AL CONSERVATORIO “NEGRITUDINE” UNO SGUARDO AFRICANO ALL’UMANITÀ

Condividi sulla tua pagina social

Il Comune di Novara e il Coordinamento Provinciale per la pace al fianco di Amnesty International nell’occasione della giornata mondiale dei Diritti Umani

AL CONSERVATORIO “NEGRITUDINE”  UNO SGUARDO AFRICANO ALL’UMANITÀ

AL CONSERVATORIO “NEGRITUDINE”
UNO SGUARDO AFRICANO ALL’UMANITÀ

Andrà in scena il prossimo 9 dicembre, ore 21.00, presso l’Auditorium “Olivieri” del Conservatorio di Novara in Largo Colonna, il recital “Negritudine uno sguardo africano all’umanità”, organizzato dal Gruppo 046 di Amnesty International in collaborazione con il Comune di Novara – Ufficio Cultura ed il Coordinamento Provinciale per la Pace.

L’iniziativa ha luogo il giorno precedente all’anniversario della celebrazione della Giornata Mondiale dei Diritti Umani, che ricorda l’anniversario della proclamazione, da parte dell’ONU, della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, avvenuta il 10 dicembre 1948.

“Negritudine” è una Opera teatrale di Mohamed Ba con Mohamed Ba e Isabella Piccioni; partecipano gli allievi dei corsi di jazz della scuola di musica Dedalo.

Mohamed Ba è nato a Dakar, in Senegal. Mediatore e animatore culturale, ha aderito al movimento per la promozione della letteratura africana e al circolo dei giovani scrittori per l’alfabetizzazione nelle zone rurali. Migrato in Francia, è stato coordinatore dell’operazione Un immigré, un livre. Nel 1998 ha pubblicato Parole de nègre, sulle migrazioni nei paesi del Sahel. Nel 1999 trasferitosi in Italia ha collaborato con il centro ambrosiano di Milano per Ex cursus. E’ fondatore del gruppo Mamafrica che usa la percussioni per diffondere la cultura africana. E’ autore ed interprete di monologhi teatrali: Parole fuori luogo (2002), Musica e popoli (2003), B-Sogni (2004), Canto dello spirito (2006), Invisibili (2010), Incazzato bianco (2010). Nel 2011 ha portato in scena Relazione per un’accademia di Franz Kafka, per la regia di Heike Brunkhorst. Ha partecipato a vari progetti teatrali e a trasmissioni radiofoniche e televisive.

L’ingresso alla serata di domenica è gratuito.