Arrestato in flagranza truffatore novarese

Condividi sulla tua pagina social

carabinieriF. G., pregiudicato, è stato arrestato  poiché, proponendosi falsamente quale procuratore di un noto studio legale del novarese si faceva dare lauti compensi per pratiche  civili.

Avvicinava  le vittime e assicurava  di vincere le cause di separazione legale o di recuperare in tempi brevissimi i soldi di un contenzioso ormai pendente da tanti anni.

Le notizie sulla presenza e sulla attività di questo truffatore erano giunte ai Carabinieri ormai da numerosi mesi e la Procura della Repubblica aveva avviato una indagine sin dal mese di Agosto 2013 Decine di inganni per un valore complessivo di circa 200 mila euro.

Donne e uomini, liberi professionisti, impiegati, operai e addirittura i suoi stessi familiari sono caduti nella trappola: nessuno veniva escluso da quella che si è rivelata essere una fitta rete di proposte commerciali e immobiliari del tutto inventate, ma costruite con astuzia e abilità.

Il metodo era sempre lo stesso: individuava soggetti in difficoltà – donne sole, persone in fase di separazione dal coniuge, amici, familiari e conviventi che di lui si fidavano – e, grazie ad un passato da promotore finanziario ed un presente da rappresentante di commercio, proponeva la stipula di finanziamenti, l’attivazione di utenze telefoniche o la compravendita di immobili.

Tutto finto tranne i soldi che scuciva alle vittime e che gli consentivano di condurre una vita agiata, vestire abiti costosi e concedersi frequenti vacanze.

Venerdì scorso ha tentato l’ultimo colpo: voleva convincere un conoscente a partecipare ad un’asta per l’acquisto di alcuni garages ed era già riuscito a farsi consegnare una prima rata di 500 euro.

Ferrari è ora agli arresti domiciliari dopo che il Tribunale ha convalidato il suo arresto in flagranza.