Asystel Novara – Parla Katarina Barun

Condividi sulla tua pagina social
Katarina Barun

Katarina Barun

“Novara è un club dalla grande storia e tradizione, una storia fatta di lavoro serio e ottimi risultati, e non posso che essere orgogliosa di essere ora parte di tutto questo. Non vedo l’ora che inizi la stagione, ma già ora mi sento un’Asystella a tutti gli effetti!”. Raggiante, a dir poco, Katarina Barun commenta con entusiasmo il suo ritorno in Italia, con la maglia di Novara. La mancina di Zagabria non nasconde la propria soddisfazione per l’accordo siglato con l’Asystel e per la possibilità di giocare nuovamente nel campionato italiano: “Sono felice – racconta – di tornare in Italia, si tratta di un campionato in cui ho già giocato per due anni e che considero il più affascinante e competitivo non solo in Europa, ma nel mondo intero. Tornare per vestire la maglia di un club come Novara non è che uno stimolo, una motivazione in più”.  “Ritengo che la strada imboccata dall’Asystel – prosegue – possa rivelarsi vincente. La società ha allestito un gruppo giovane ma pieno di talento che potrà far bene ora e in futuro, lavorando in condizioni di serenità e serietà con uno staff tecnico di altissimo livello”. Per i suoi nuovi tifosi, che ancora non la conoscono, Katarina racconta così la sua vita fuori dal campo: “Passando la gran parte della mia vita a lavorare con il club o in nazionale, non ho poi molto tempo libero, così devo farmi bastare quello che ho. Così, ogni qual volta mi è possibile, dedico i miei momenti di libertà alla mia famiglia, ai miei amici, cercando di passare del tempo con loro. Quando non mi è possibile, cerco di rilassarmi con della buona musica, o guardando un film, ma mi piace molto anche leggere”. I prossimi mesi saranno importanti per la sua nazionale, la Croazia, che torna dopo lunga assenza a prender parte alla rassegna iridata in Giappone: “Penso che sia difficile – spiega – parlare di obiettivi per la nostra nazionale. Dopo 12 anni di assenza, è già un grande risultato essere arrivati lì e così vivremo partita per partita, cercando di dare e ottenere il massimo da ogni incontro. Sarà un’occasione per fare esperienza incontrando delle squadre forti e blasonate e per crescere, ma al tempo stesso ogni eventuale vittoria sarebbe per noi un traguardo importantissimo”. Il pensiero di Katarina vola però già oltre, alla nuova stagione e alla nuova maglia che indosserà, così la nuova Asystella rivolge un appello ai suoi nuovi tifosi: “Credete in noi! Abbiate pazienza e sarete ripagati dall’impegno che non faremo mai mancare in campo. Quando in passato ho giocato a Novara da avversaria, ho sempre ammirato quel palazzetto pieno e caloroso e oggi sono felice di avere l’opportunità di giocare per quello stesso pubblico così accogliente e affettuoso”.