Basket:Il novarese Mohamed Loughlimi convocato in nazionale Libica.

Condividi sulla tua pagina social

Il giocatore novarese Mohamed Loughlimi, l’anno scorso nelle file della Nuova Pallacanestro Novara, società fallita per problemi economici, semifinalista nel campionato di serie B, riceve la proposta di militare nella nazionale Libica, il suo paese d’origine. Con una brillantissima stagione in serie B a Novara, la giovane guardia, dotata di carattere e personalità, quest’anno sta disputando un campionato esemplare a Reggio Calabria nell’ Audax, società di C1, in un  girone veramente duro e competitivo. Giovane, orgoglio del quartiere S.Agabio della città, ha dichiarato al nostro Blog di stare benissimo nella città di Reggio Calabria, tuistica e di grande tradizione cestistica,  ma di aver il cuore che batte per Novara, la città che lo ha “allevato” e lanciato, l’anno scorso, in un campionato che non dimenticherà mai dove, gli occhi di molti addetti ai lavori, si sono proiettati sul suo talento e voglia di arrivare. ” Reggio Calabria è bellissima e, questa stagione sportiva, mi sta temprando regalandomi molta esperienza che non esiterò a portarmi dietro per tutta la vita. Questo campionato è molto difficile ma non demordo e cerco di dare il meglio di me stesso agli ordini del mio allenatore Mimmo Melara, forse tra i più anziani ed esperti allenatori in circolazione. La cosa che mi ha fatto gioire è la chiamata di alcuni talent scout della nazionale Libica i quali, mi hanno proposto la possibilità di poter giocare con i colori del mio paese d’origine. E’ vero che sono italiano a tutti gli effetti, cresciuto fin da piccolino a Novara, ma quando ti senti considerato importante dalla gente che ha il tuo stesso sangue è veramente difficile rinunciare ad una proposta così allettante che, in Italia, per me sarebbe proibitiva. Non potrei mai ambire a giocare con gente come Belinelli e Bargnani ma, magari potrei farlo da avversario vestendo i colori della mia nazionale. La stagione che sto chiudendo a Reggio mi ha dato molto, vivere da solo, ovvero insieme ai miei cari compagni di squadra, lontano da casa aiuta a crescere e mi fa maturare giorno per giorno.” Il giovane nutre molto entusiasmo per questo meraviglioso sport, consapevolmente al fatto che, per “arrivare”, bisogna lavorare molto, non a caso è divenuto una “preda” molto ambita da procuratori importanti che stanno giocando a contendersi le procure relative al suo ingaggio. Per la città, dovrebbe essere un vero orgoglio sapere di avere un ragazzo di “vent’anni” che, come in un film, partendo dal un quartiere popolare, sta iniziano a “volare” con un “paio di ali” che si è costruito col sudore della sua fronte e giorno per giorno. “Per quelli come me, che arrivano da quartieri ocnsiderati difficili, guardarmi dietro è un orgoglio, la vita mi ha insegnato a non sentirmi mai arrivato, al contrario mi alleno sempre con fatica per confermare il mio nome passo dopo passo, a questo mondo nessuno ti regala niente e, se vuoi qualcosa te la devi all’inizio conquistare e dopo saperla mantenere, in quanto basta poco per farti scivolare di mano il tutto e in un attimo. Lotterò, come sto facendo già da tempo, per non farmi mancare nulla in futuro e per far felice la mia famiglia e la mia ragazza che adesso è a Novara, sperando un giorno di poter tornare in città e militare per una squadra novarese di categoria che, purtroppo, al momento non esiste dopo il fallimento  della Nuova Pallacanestro Novara che mi ha dato la possibilità di giocare “passerelle” diverse rispetto agli anni precedenti. Saluto tutti gli amici del basket novarese, con i quali sono cresciuto e spero di poterli rivedere presto. Grazie a voi del Blog Città di Novara che mi seguite con affetto già da qualche anno e adesso scappo perchè devo allenarmi, altrimenti coach Melara non mi risparmierà un rimprovero se arrivo in ritardo.” Confidiamo in Mohamed, che possa regalare alla città intera vanto di sperare un un suo futuro che punti “alle stelle” in quanto, ragazzi come lui, sanno benissimo cosa significhi vivere continuamente nel “sacrificio”.

Ecco il video un una sua prestazione spettacolare.