Baskin Ciuff Borgomanero

Condividi sulla tua pagina social

asd_baskin_ciuff_borgomaneroQuarta vittoria consecutiva per il Baskin Ciuff Borgomanero. A farne le spese, la compagine del Rho A, la prima in classifica. In una palestra Dante, trasformata per l’occasione in un campo di “gara” in cui troneggiavano i colori della squadra agognina, i locali  affrontano nella 5^ di campionato il Rho A, prima in classifica a 3 lunghezze di distacco. La gara si presenta come l’occasione per l’equipe  borgomanerese di poter accorciare il distacco a 1 punto dalla squadra lombarda e presentarsi in gara 6 (ultima del girone), contro il Milano Nord, con la possibilità di conquistare la prima posizione e affrontare i play off in posizione avvantaggiata.

La gara  parte in sordina con le due squadre inconcludenti nel 1° quarto che si chiude con il Rho A in vantaggio sul Baskin Ciuff Borgomanero per 8 a 3.

Per Borgo il Match si presenta in salita e fatica ad applicare gli schemi,mentre Rho difende bene tiene meglio il campo impedendo agli agognini di arrivare alla conclusione.

Nel 2° quarto Borgomanero rientra in partita, difende meglio e conclude di più e chiude il primo tempo andando al riposo sul 23-10.

Nel 3° quarto Borgomanero controlla il suo vantaggio pur subendo 3 bombe da 3 del n°21 di Rho, brvissima.

Il 4° quarto riprende con un Rho più aggressivo che tenta di rientrare in partita, gioca meglio crea diverse occasioni, ma conclude poco. Borgomanero rientra bene in difesa, recupera palla lanciando in contropiede i suoi ruoli  5 che non perdonano.

Risultato finale 58-46 per Borgomanero, che consegue la 4^ vittoria consecutiva.

“I giocatori, al termine della partita ufficiale, hanno voluto giocare un 5° quarto, intercambiandosi gli atleti delle due squadre a testimonianza dell’amicizia tra Borgomanero e Rho. La giornata si è conclusa con l’ormai tradizionale Merenda-terzo tempo.

Bravissime le Ragazze del ASD BASKIN CIUFF che nei primi due quarti hanno fatto vedere cosa vuol dire correttezza e grinta in Campo. Brave Chiara ed Eleonora!”