“CADAVERE” DI VOLPE ROSSA RINVENUTO DALLE GUARDIE ECOZOOFILE A.N.P.A.N.A NOVARA

Condividi sulla tua pagina social

P1020816 copiaNon c’è stato niente da fare per la volpe rossa (vulpes vulpes) recuperata dall’A.N.P.A.N.A (Associazione Nazionale Protezione Animali Natura Ambiente) nella campagna di  Biandrate (NO).

Lo splendido esemplare è stato trovato morto vicino al canale che costeggia il paese. Ferito da un cacciatore  deve avere corso per qualche tempo cercando di mettersi in salvo, finché la stanchezza e la quantità di sangue perso non hanno avuto la meglio. Il gelo notturno ha poi fatto il resto.

Emanuela Zonca, Presidente dell’ Associazione precisa – La segnalazione è arrivata al nostro Comando Provinciale da parte di una signora che, portando a passeggio il cane, ha notato un animale sotto un albero. La velocità di intervento in queste situazioni è fondamentale vista la speranza che muove sempre i nostri agenti volontari per cercare di salvare gli animali feriti che vengono segnalati –

Il Comandante Provinciale delle Guardie Ecozoofile, Francesco Ragusa, in quel momento in servizio con un Agente, si è recato sul luogo indicato e  non ha però potuto fare altro che constatarne il decesso.

Ragusa specifica – Riversava in una posizione quasi naturale, non sembrava neanche morta ma sul suo collo è stato trovato un grosso foro di proiettile, che l’ ha trapassato da parte a parte. Unica traccia di sangue è quella trovata sul tronco che sta a significare che si è appoggiata prima di morire. La lingua violacea fuori dai denti stretti, il muso accasciato sulle zampe anteriori incrociate, il corpo allungato e la coda rimessa fanno pensare ad un abbandono alla morte –

Essendo in atto una collaborazione gratuita tra l’ A.N.P.A.N.A Novara e la Polizia Provinciale per il recupero anche di piccoli mammiferi feriti o in difficoltà, le Guardie, dopo aver comunicato alla Provincia il ritrovamento del cadavere lo hanno trasportato all’Istituto Agrario Bonfantini, dal quale verrà poi inviato all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta, che si occupa di ricerca sperimentale in sanità animale per gli accertamenti di rito del decesso”.

Conclude Ragusa – la Volpe rossa è un predatore onnivoro selvatico e rientra tra le specie cacciabili come da calendario venatorio 2012-2013 del Piemonte che all’articolo 2 comma i) la cita come specie cacciabile dal 16 settembre al 31 gennaio, in base a piani numerici di prelievo predisposti dai Comitati di gestione degli A.T.C. o dei C.A. e approvati dalla Giunta regionale –

Una volta, presente nelle zone montane, era cacciata per la sua folta pelliccia e per la sua coda lunga; oggi si avvicina anche alla periferia delle città nelle aree verdi e nelle vicinanze delle coltivazioni. Si nutre sia di piccoli mammiferi ( talpe, uccelli, bisce e topi) sia di bacche e frutta.

Non essendo la sua carne commestibile, la caccia alla volpe è un mero esercizio di tiro al bersaglio, retaggio di vecchie usanze; per alcuni una motivazione sufficiente per togliere la vita a splendidi esemplari, sani e in piena forma, come quello ritrovato a Biandrate.

Ndr A.N.P.A.N.A Novara