Carabinieri di Novara: diversi arresti per contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale

Condividi sulla tua pagina social

Continua, incessante, l’azione di contrasto alla diffusione degli stupefacenti dei Carabinieri della Compagnia di Novara che, nell’ambito di distinte operazioni di polizia giudiziaria, hanno tratto in arresto 3 persone e deferito all’ autorità giudiziaria un altro soggetto. E’ della settimana scorsa l’operazione che , a conclusione di una articolata attività di indagine, condotta, al fine di contrastare lo spaccio nella zona boschiva di Oleggio, dai Carabinieri della Sezione Operativa del NORM della Compagnia di Novara, ha determinato l’A.G. novarese all’emissione di un decreto di fermo a carico di un soggetto di nazionalità marocchina (A. G. Y. Classe 89), in Italia senza fissa dimora e con precedenti, ritenuto responsabile della reiterata attività di spaccio di sostanze stupefacenti, quali “eroina”, “cocaina” e “hashish”, nei confronti di almeno sette giovani abitanti in vari comuni della provincia che, nel corso delle attività, venivano segnalati all’autorità prefettizia quali assuntori di stupefacenti. Il fermato è stato associato presso la casa circondariale di Novara. Durante le operazioni i militari hanno deferito a piede libero con la stessa accusa di spaccio di stupefacenti anche un connazionale dell’arrestato. La sera del 6 marzo, i militari della Sezione Radiomobile del N.O.R., hanno deferito in stato di liberta’ per il reato di detenzione a fini di spaccio un incensurato di Romentino che, nel corso di una perquisizione personale e veicolare veniva trovato in possesso di un involucro in cellophane contenente complessivi gr. 47 di hashish.
L’11 marzo a Novara i Carabinieri della Sezione Operativa del N.O.R., hanno in arresto in flagranza del reato di detenzione di stupefacenti D.T.F. , di origini pugliesi ma abitante nel capoluogo, classe 1964 , già noto alle forze dell’ordine. L’uomo, a seguito di una perquisizione domiciliare, veniva sorpreso detenere complessivi grammi 610 di hashish, suddivisi in sei panetti, nonché vario materiale atto al confezionamento in dosi e la somma contante di poco superiore ai 600 euro in banconote di piccolo taglio, considerata provento dell’attività illecita. Lo stupefacente, il denaro ed il materiale venivano sottoposti a sequestro mentre l’arrestato veniva associato presso la Casa Circondariale di Novara a disposizione dell’A.G. Nel medesimo ambito di contrasto alle attività illecite collegate alla droga, il giorno precedente i Carabinieri della Stazione di Trecate in Cerano hanno tratto in arresto una persona accusata di detenzione a fini di spaccio. D.M. A. classe, 88 , di origini milanesi, con precedenti e già sottoposto ad una misura alternativa alla detenzione, sottoposto ad una perquisizione locale veniva trovato in possesso di cinque involucri in cellophane per complessivi gr. 2 di cocaina. Nella giornata di ieri si è tenuta l’udienza di convalida dell’arresto e nei confronti del 31enne è stata disposta la misura
dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.Una persona è stata tratta in arresto per resistenza e danneggiamento di una “gazzella”: due militari lievemente feriti.
Nella notte del 12 marzo in Novara, i Carabinieri della Sezione Radiomobile del N.O.R., traevano in arresto per i reati di resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato un incensurato A.F. di 32 anni, abitante a Novara ma di origini campane, il quale alla guida della sua autovettura Smart, non si fermava all’alt intimato da una pattuglia in Viale Giulio Cesare e tentava di sottrarsi al controllo dandosi a precipitosa fuga. Ne scaturiva un inseguimento che si concludeva in via Adamello dove la “gazzella” raggiungeva e superava il mezzo in fuga che alla fine speronava il mezzo militare . Nel corso della successiva perquisizione veicolare veniva rinvenuta e sequestrata una piccola quantità di cocaina. L’arrestato, che risultava negativo all’alcoltest, al termine delle formalita’ di rito veniva sottoposto agli arresti domiciliari. Stamane lo stesso ha patteggiato una condanna a 6 mesi di reclusione per il reato di resistenza . I due militari a seguito del tamponamento hanno riportato
lievi lesioni.