Caso “Novara Accademy” chiarimenti da parte dell’assessore allo sport Marina Chiarelli

Condividi sulla tua pagina social

I fatti risalgono all’inzio di novembre, quando il presidente della società sportiva Novara Accademy Sarchiello decide di ritirare la squadra under 17. Dapprima gli organi di stampa avevano messo in rilievo un comportamento scorretto da parte dei giocatori non solo nei confronti degli avversari ma anche nei confronti degli arbitri.

Assessore cosa dichiara riguardo a quanto successo?

“Prendo atto delle dichiarazioni rilasciate agli organi di stampa dal presidente dell’Accademy signor Sarchiello rispetto ai motivi che l’avrebbero indotto a ritirare la squadra Under 17, prendo altresì atto di quanto dichiarato sia dagli allenatori della squadra sia dai genitori dei ragazzi coinvolti che, insieme, durante l’incontro a cui ho partecipato, hanno raccontato un’altra verità, ovverosia che i motivi posti alla base della decisione da parte della società Siano stati in realtà i numeri mancanti nella rosa dei giocatori”

Quale ruolo educativo pensa possa avere una società sportiva

” Ho avuto modo di ricevere chiarimenti da tutte le parti, Essendomi già personalmente confrontata sia con la società sia con gli allenatori e anche con i genitori.Non spetta a me ergermi a giudice rispetto a quanto accaduto, tuttavia Mi preme rammentare che si sta trattando di ragazzi minorenni. Penso altresì che la dicitura “ obiettivo non raggiunto” affibbiata a un’intera classe Presupponga il mancato raggiungimento dell’obiettivo da parte della scuola, e questo vale a maggior ragione nel mondo del calcio, seppur ben conscia delle problematiche educative e di rispetto che debbono essere trasmesse dalle società sportive come valori. Nel mio doppio ruolo di assessore e di madre non posso che esprimere comunque preoccupazione Per i giovani ragazzi coinvolti: dove andranno ad allenarsi, come impiegheranno loro tempo libero, in che cosa incanaleranno il loro energie se privati della possibilità di fare sport? Tutta la vicenda è comunque la constatazione amara del fallimento educativo e di questo davvero mi dispiaccio. Ho letto anche nelle dichiarazioni attribuite dalla stampa al presidente dell’Accademy riferimenti all’amministrazione comunale, rea per citare testualmente di non dare una mano alle piccole società. Il presidente Sarchiello sa benissimo qual è la situazione specifica ci siamo già confrontati ed ha smentito di aver mai rilasciato tali dichiarazioni. Come ho comunicato agli interessati mi rendo disponibile in prima persona per un incontro chiarificatore fra la società, gli allenatori e le famiglie coinvolte.