COMUNE E PRIVATO SOCIALE SCOMMETTONO SULL’INCLUSIONE

Condividi sulla tua pagina social

È attivo il Fondo Civico di Sostegno Familiare, per aiutare chi è in difficoltà andando oltre la beneficienza

CENTRO FAMIGLIE

CENTRO FAMIGLIE

A partire dal 12 dicembre 2012 è attivato da parte di Comune di Novara, Fondazione Comunità del Novarese, Centro Servizi per il Volontariato di Novara e Caritas Diocesana di Novara, il Fondo Civico di Sostegno Familiare destinato a sostenere i progetti di sostegno alle famiglie in difficoltà all’interno del progetto Sicis (Sistema Città per l’inclusione sociale e il contrasto alla povertà).

Si tratta di uno strumento fortemente innovativo, con il quale il Comune di Novara e gli altri soggetti partner del progetto Sicis intendono proseguire nella sperimentazione di efficaci interventi di contrasto alla povertà nel contesto cittadino.

Il fondo ha una dotazione iniziale di 20.000 euro, erogati da Comune di Novara ed è aperto alle donazione di privati cittadini, imprese, fondazioni, associazioni, con l’obiettivo di arrivare ad una dotazione complessiva per il 2013 di almeno 50 mila euro

Obiettivo del Fondo è il sostegno alle famiglie in difficoltà seguite dai servizi sociali del comune, attraverso il finanziamento di interventi mirati, volti a migliorarne le possibilità di recupero dell’autonomia.

Questi gli elementi  essenziali degli interventi:

Gli interventi finanziati saranno collocati all’interno di un più ampio Piano Familiare di Sostegno che le assistenti sociali predisporranno per le famiglie e che sarà sottoscritto dai beneficiari con un impegno formale e realizzato in stretta collaborazione con le organizzazioni di volontariato e del terzo settore. Per  ogni famiglia sarà definito un insieme di obiettivi e di strategie finalizzati al raggiungimento di risultati concreti,.

Attraverso i finanziamenti del Fondo Civico di Sostegno Familiare, sarà possibile: acquistare voucher lavoro per dare un sostegno economico immediato basato non sulla beneficienza, ma su una corresponsabilizzazione concreta della famiglia; pagare spese legate alla formazione e all’istruzione dei figli; erogare piccoli prestiti familiari o prestiti di microcredito per l’avvio di esperienze lavorative.

Obiettivo è far diventare il Fondo Civico di sostegno familiare  uno strumento permanente di intervento.

La logica che muove tutti gli interventi è triplice: costruire progetti mirati e specifici insieme alle famiglie in stato di necessità, che definiscano con precisione obiettivi e risultati attesi; uscire da una logica di beneficienza e richiedere alle famiglie destinatarie un coinvolgimento attivo per uscire dalla situazione di disagio; cooperare in maniera stretta con le organizzazioni del terzo settore.

La presenza tra i partner del progetto dell’Università degli Studi di Trento garantisce la rigorosa valutazione degli interventi in corso, in modo da poter arrivare alla fine del 2013 con una misurazione accurata degli effetti prodotti da questo nuovo approccio al tema della povertà.

Dal prossimo mese di gennaio, inoltre, saranno attivati anche il sito del progetto e le azioni di formazione e accompagnamento con le associazioni di volontariato.

«Il progetto Sicis entra nel vivo proprio sotto le feste natalizie, a testimonianza dell’impegno che il Comune di Novara sta mettendo nella ricerca di soluzioni efficaci e durature per affrontare il problema delle famiglie in difficoltà», dice Augusto Ferrari, assessore alle politiche sociali del Comune di Novara. «Anche attraverso questo progetto vogliamo mettere in campo un cambio di passo e di mentalità, che vada nella direzione di costruire progetti sempre più mirati e in cooperazione con il territorio, che richiedano anche alle famiglie destinatarie degli interventi la messa in pratica di comportamenti proattivi».

«La Fondazione della Comunità del Novarese crede in questo progetto –  aggiunge Gianluca Vacchini, direttore operativo della Fondazione – e vede con piacere la scelta del Comune di Novara di costituire un fondo civico presso di noi, segnale di una apertura alla città e alla compartecipazione che rende i problemi sociali una questione che riguarda tutti e che richiede il contributo attivo di tutti i cittadini e le imprese novaresi».

Le donazioni per contribuire all’ampliamento della disponibilità del fondo potranno essere fatte attraverso il conto corrente della Fondazione comunità del novarese, BANCO POSTA, IBAN IT63T0760110100000018205146, specificando come causale “progetto sicis – fondo famiglie”