COMUNI INSIEME PER AZIONI CONTRO L’INQUINAMENTO DELL’ARIA – IN ALLEGATO L’ORDINANZA SCARICABILE IN PDF

Condividi sulla tua pagina social

Ordinanza circolazione urbana (CLICCA PER SCARICARE)

Ordinanza n. 3 (CLICCA PER SCARICARE)


Allo scopo di condividere azioni e strategie per fronteggiare adeguatamente la

delicata tematica ambientale legata alla diffusione delle polveri sottili PM10, che

continuano ad essere allarmanti, i Sindaci dei Comuni di Galliate, Bellinzago,

Cameri, Cerano, Trecate, Oleggio e Romentino hanno condiviso la necessità di

emettere due ordinanze per rispondere all’invito della Provincia di Novara di ridurre

le emissioni inquinanti in atmosfera.

Le due ordinanze riguardano:

1) ORDINANZA SULLA CIRCOLAZIONE STRADALE: dalle ore 10,00 alle ore 18,00 di

Domenica 4 e Domenica 11 Marzo 2012, il divieto di circolazione di tutti i veicoli a

motore ad uso privato ad eccezione dei veicoli elettrici, ibridi e bimodali, dei veicoli

alimentati a metano e dei veicoli che trasportano contemporaneamente non meno di

tre persone.

In merito al fattore mobilità i cittadini sono invitati a limitare l’utilizzo

dell’automobile per la mobilità urbana e a privilegiare l’uso del mezzo pubblico,

laddove è possibile, e di altri mezzi di trasporto a basso impatto ambientale.

2) ORDINANZA SULLA RIDUZIONE DELLA TEMPERATURA DEL RISCALDAMENTO

IN TUTTI GLI EDIFICI UBICATI NEL COMUNE DI GALLIATE: dal giorno 4 marzo 2012

al 15 aprile 2012 per gli impianti termici ubicati negli edifici, classificati, in base al

DPR n. 412/93 e s.m.i., con le sigle E1 (edifici adibiti a residenza e assimilabili), E2

(edifici adibiti ad uffici e assimilabili), E4 (edifici adibiti ad attività commerciali e

assimilabili), E6 (edifici adibiti ad attività sportive), la temperatura dell’aria non deve

essere superiore a 19° C. ed il periodo giornaliero di accensione non deve essere

superiore a 13 ore. Sono esclusi gli impianti di riscaldamento installati negli edifici

adibiti ad ospedali, cliniche o case di cura e assimilabili, ivi compresi quelli adibiti a

ricovero o cura di minori o anziani, scuole e asili, nonché le strutture protette per

l’assistenza ed il recupero dei tossicodipendenti e di altri soggetti affidati a servizi

sociali pubblici.

“Noi tutti sindaci – spiega il Sindaco Davide Ferrari – siamo ben consapevoli che il

problema del pm10 purtroppo non si risolverà nè con le targhe alterne nè con

nessuna altra ordinanza di limitazione della circolazione.

La conformazione geografica della pianura padana, infatti, favorisce il

concentramento delle polveri sottili generata da una molteplicità di forme tra le

quali, oltre al traffico, ci cono i riscaldamenti domestici e industriali, gli impianti

produttivi etc.

Tuttavia ci sembra importante percorrere la via della sensibilizzazione: il fatto che

sette sindaci” siano in perfetto accordo sulle misure è di per sè un messaggio

importante, a prescindere dal risultato. Credo infatti che sia la prima volta che i

primi cittadini delle “città” Ovest Ticino si ritrovino ad un tavolo comune su questo

argomento.

Per quanto riguarda nello specifico abbiamo cercato di scegliere delle misure non

penalizzanti per chi lavora e per chi studia”.