CONCERTO PER ALESSIA 2010

Condividi sulla tua pagina social
Concerto Per Alessia 2010

Concerto Per Alessia 2010

Circa tre settimane fa siamo stati a fare un servizio a “Casa Alessia”, nella sede ufficiale di quest’associazione Onlus conosciutissima a Novara, nella provincia e, considerando i mezzi di divulgazione web quali social network e affini, possiamo affermare con sicurezza, anche in tutt’Italia. Lo spirito era quello di cercare di far notizia mettendo in risalto qualcosa di bello, proprio perchè, negli ultimi tempi, stiamo assistendo a vere e proprie gare mediatiche su argomenti di cronaca gravi che “macchiano” pagine e pagine d’inchiostro “sporco” di sangue del malcapitato di turno. Presso la sede di “Casa Alessia”, l’aria che si percepiva,  consisteva nella serenità e la voglia di fare di persone con tanta voglia di donare, quanto c’è di buono in se stessi, a chi ne ha davvero bisogno. Lì, si è capito che, non era necessario “fare notiza”, bensì solo dare risalto alle opere di bene che Giovanni Mairati, fondatore dell’associazione e gli altri membri, hanno realizzato fino ad oggi. Rivedere il reportage, di Mario Travaini, realizzato la scorsa estate in Burundi presso il villaggio di Masango, dove “Alessia” ha realizzato un numero consistente di casette per i bambini orfani, ammirare in video quanto è stato fatto con  sorrisi di felicità, non può considerarsi semplice associazionismo benefico ma, piuttosto, vocazione e missione verso coloro i quali non dispongono di nulla.  Venerdì 12 novembre si è tenuto, presso il teatro “Coccia” di Novara, il Concerto “per Alessia”, la settima edizione. La solidarietà novarese all’evento è stata massiccia: teatro pieno! Scaletta degna e scenografie che non avevano nulla da invidiare a spettacoli blasonati spesso trasmessi in tv. Prima il video di Mario Travaini, poi l’emozione di Sandro Bertona, le bellissime parole dell’Onorevole Polidori, madrina e testimonial di “Casa Alessia”,  la lettera di Chiara Mairati dedicata alla sorella e la mamma che ha commosso l’intero teatro ed infine il capolavoro musicale diretto artisticamente da una delle più belle voci di Novara e forse anche di più: Antonella Custer che, insieme ad altri due interpreti di altissimo livello tecnico ed espressivo, Maria Raciti e Paolo Airoldi, è riuscita a realizzare quanto di magnifico non ci si poteva aspettare. Spesso a turno, spesso le tra voci insieme, accompagnate da un “team” di musicisti davvero bravi, hanno allietato e emozionato personalizzando musiche e testi di brani nazionali ed internazionali, fiore all’occhiello delle classifiche storiche mondiali. Un “unplugged”  è stato protagonista della parte centrale del concerto, una chitarra classica amplificata e la voce di Maria Raciti che duettava con quella di Antonella Custer. Un superlativo Paolo Airoldi sfoderava una tecnica vocale pari al miglior  Elton John. Alla fine le poche commosse parole di Givanni Mairati, papà di Alessia, chiudevano un appuntamento annuale degno di plauso, lo stesso riconoscimento che tutte le autorità presenti, i novaresi rendevano a chi è riuscito a regalare emozione, spettacolo e tanto amore nei confronti di coloro i quali ne necessitino per la propria vita.

IL CONCERTO