Consiglio Regionale Piemonte

Condividi sulla tua pagina social
Consiglio Regionale Piemonte

Consiglio Regionale Piemonte

Nella riunione dei capigruppo del Consiglio regionale del Piemonte, il 15 settembre, è stata decisa la prima attuazione di due importanti articoli del nuovo regolamento consiliare, entrato in vigore in questa legislatura: l’art. 13 sulla programmazione dei lavori dell’Assemblea legislativa e l’art. 46 che istituisce il Comitato per la qualità della normazione e la valutazione delle politiche regionali. “Si tratta di adempimenti di grande rilevanza – commenta con soddisfazione il presidente del Consiglio regionale Valerio Cattaneo – in particolare la programmazione dei lavori è un fatto nuovo che cambia il modo di lavorare dell’Assemblea piemontese, mentre l’istituzione del Comitato sulla qualità legislativa consente di sviluppare l’esperienza già avviata, per monitorare l’efficacia delle iniziative legislative e di governo”. Quanto alla programmazione dei lavori del Consiglio regionale, tra le priorità che saranno all’esame dell’aula nel prossimo bimestre, è stata inserita la discussione della proposta di legge, presentata il 30 giugno scorso, avente come primo firmatario Valerio Cattaneo e sottoscritta anche da tutti i Consiglieri eletti nel Vco, Roberto De Magistris, Michele Marinello e Aldo Reschigna. Si tratta del riconoscimento alla Provincia del Verbano Cusio Ossola di speciali condizioni di autonomia, ai sensi dell’articolo 8 dello Statuto, attraverso la concreta applicazione dei principi di sussidiarietà e adeguatezza, individuando precisi compiti e funzioni in grado di esprimere e valorizzare le specificità territoriali, sociali ed economiche del Vco. Le competenze e le deleghe indicate nella proposta di legge riguardano praticamente tutti i settori: sviluppo economico e produttivo, le attività artigiane, turismo, agricoltura, caccia e pesca,industria, ambiente, infrastrutture, viabilità, gestione del demanio idrico, diritto allo studio, servizi alla persona. Per sostenere l’effettivo conferimento di competenze e funzioni, per l’esercizio finanziario 2010 è previsto uno stanziamento di 15 milioni di euro, già confermati anche per il biennio 2011-2012. “Dopo aver già ottenuto il trasferimento delle risorse dei canoni idrici, con l’assestamento di bilancio – sottolinea con legittima soddisfazione il presidente Cattaneo – oggi, grazie al nuovo regolamento abbiamo una tempestiva calendarizzazione della legge sull’autonomia, con tempi certi per la sua definitiva approvazione”. La proposta di legge è già stata inserita all’ordine del giorno della I Commissione permanente, che venerdì 17 settembre effettuerà le audizioni dei soggetti interessati.