Controlli coordinati tra polizie locali di Novara e Trecate nella zona della stazione.

Condividi sulla tua pagina social

Nelle prime ore della giornata del 27 marzo, il Nucleo operativo e il Nucleo commerciale del Comando di Polizia locale di Novara, in collaborazione con l’Unità cinofila della Polizia locale di Trecate, sono intervenuti in ausilio della Polizia Ferroviaria in un’attività di controllo e di prevenzione rispetto alla detenzione di sostanze stupefacenti. L’intervento è poi proseguito, da parte delle Polizie locali, nel parco adiacente alla Stazione ferroviaria e nei locali commerciali e pubblici esercizi delle vicinanze.

Sono state identificate alcune persone: una di queste è stata trovata in possesso di una modica quantità di sostanza stupefacente per uso personale. La stessa sarà segnalata alla Prefettura come consumatore abituale. Un’altra persona, che si trovava sdraiata sul prato della piazza, è stata sanzionata ai sensi del nuovo Regolamento di Polizia urbana ed è stata fatta oggetto di daspo urbano.

Il personale dei due Comandi ha poi eseguito, sempre nella stessa zona, un’ispezione presso un’area di cantiere situata all’interno dei locali di un esercizio commerciale attualmente in fase di ristrutturazione: qui sono state trovate, impegnate al lavoro, alcune persone di nazionalità straniera, intente a eseguire attività di edilizia varia, sprovviste di documenti di identità e di permesso di soggiorno. Il locale Ufficio di Ispezione del Lavoro della Direzione Territoriale del Lavoro di Novara, su richiesta della Polizia locale, ha inviato sul posto il proprio personale ispettivo per i rilievi del caso. Le persone sono state quindi accompagnate agli uffici della Questura per l’identificazione. La puntuale e collaborativa attività della Questura ha consentito di applicare a una di loro il provvedimento di espulsione per permanenza irregolare nel territorio italiano. Inoltre il titolare e committente dei lavori è stato deferito all’autorità giudiziaria per impiego di lavoratori clandestini.

<<Il lavoro in rete tra le diverse forze dell’ordine – commenta con soddisfazione l’assessore alla Sicurezza Mario Paganini – ha consentito di svolgere un lavoro capillare e mirato all’individuazione di diverse situazioni di irregolarità e di reato. Questo intervento coordinato rappresenta la modalità con la quale siamo determinati a proseguire nelle azioni di controllo del territorio novarese a salvaguardia della sicurezza dei cittadini>>.