Crisi – Riunione Consiglio Regionale

Condividi sulla tua pagina social
Mondo del Lavoro

Mondo del Lavoro

Luca Pedrale, presidente del gruppo regionale del PDL, ha partecipato all’ incontro da lui promosso e organizzato presso la sede UIL di Vercelli, tra i segretari provinciali di Uilm, Fiom e FIM sulla situazione della Dana Spicer di Crescentino. Dopo l’incontro della scorsa settimana con la direzione dello stabilimento l’appuntamento si è rivelato un utile momento di confronto che ha chiarito le richieste dei rappresentanti dei lavoratori e le loro preoccupazioni circa il futuro dello stabilimento crescentinese. Grande preoccupazione è stata sollevata per la mancanza di un interlocutore all’interno dell’azienda, che, essendo una multinazionale americana, obbliga le parti a dover attendere le decisioni di oltreoceano con difficoltà di comunicazione e chiarezza. Dopodomani i rappresentanti delle organizzazioni sindacali incontreranno la dirigenza della Dana Spicer all’Unione industriale di Vercelli. Durante l’incontro inoltre Pedrale ha ritenuto opportuno chiedere una audizione in III Commissione – Industria e Lavoro – del Consiglio Regionale. Saranno invitati la direzione della Dana Spicer e le parti sindacali al fine di creare un momento di confronto istituzionale utile a verificare il numero esatto degli esuberi e conoscere il futuro dell’azienda. Nella stessa commissione saranno inoltre invitate le parti sociali e datoriali anche della Magliola di Santhia insieme ai rappresentanti di Trenitalia per affrontare serenamente in modo propositivo anche la crisi che investe questa azienda. “L’incontro di oggi – dichiara il capogruppo PDL in Regione Piemonte, Luca Pedrale – è stato importante perché è emersa la disponibilità da parte dei sindacati di siglare i contratti di solidarietà solo se accompagnati alla pensione. Ora l’augurio è che si possa trovare presto una soluzione condivisa dalle parti e per questo motivo ho chiesto un’audizione in Consiglio regionale dei vertici della Dana Spicer e delle forze sindacali che faccia luce su aspettative, sugli esuberi di personale e sulla continuità dell’azienda. In quell’occasione, chiederò l’audizione anche delle parti interessate ad un’altra aziende del vercellese, la Magliola di Santhia”.