Don Bosco a Novara: un inno d’amore

Condividi sulla tua pagina social

Don Bosco a Novara: un inno d’amore
di Caterina Zadra

L’urna sta facendo il giro del mondo in vista del bicentenario della nascita del santo dei giovani: da sabato a lunedì scorsi la presenza dell’urna si è vista e si è sentita a Novara. Don Giovannino Bosco, il fondatore delle congregazioni dei Salesiani e delle Figlie di Maria Ausiliatrice, amico e pastore dei giovani e degli ultimi. I valori e lo stile sono semplici: “Sta allegro, ma la tua allegria sia verace, come quella di una coscienza monda dal peccato,” Agli adulti esorta: “ La bontà di tratto e l’amorevolezza coi giovani sia il carattere di tutti i Superiori.”

Dalla Diocesi di Novara inizia il viaggio in Piemonte dell’urna con la reliquia di don Giovanni Bosco. Dopo essere già passata in 131 paesi e nei cinque continenti, l’urna arriva nel nostro territorio, dove don Bosco era stato più volte in vita. Tanti gli appuntamenti in città che i giornali locali hanno riportato ampiamente.

Vorrei soffermarmi sulla messa di lunedì mattina presso il Santuario dedicato a Maria Ausiliatrice, la “chiesa” dei Salesiani, presso l’Istituto “San Lorenzo”. E’ stato uno di quei momenti speciali e ringrazio in cuor mio di aver potuto farne parte. Gli ingredienti?

Una chiesa gremita fino al piano superiore, una folla di giovani.
Canti e musiche eseguiti con maestria.
Dopo la messa alcuni appuntamenti importanti per la comunità salesiana: la professione perpetua di Guido Cesare Salza, molto commovente, alla presenza della reliquia del Santo.
La premiazione di due giovani studenti che hanno ottenuto nella scorsa maturità 100 e lode.
E per finire un gioioso spettacolo dei ragazzi dell’istituto, proprio alla base di quell’altare, in fianco la presenza rassicurante di Don Bosco.

Ecco, si. Lui avrebbe voluto così: giovani allegri e sani, una comunità educante, pane e salame. E tanta amorevolezza alla base di un progetto educativo per i nostri giovani. La bellezza di quella messa la porto nel cuore… nella mente un ritornello che fa: “Tu sei Don Bosco, amico nostro/ amico della gioventù/ amico di chi/ amore e speranza non ha più…”