Due match dell’Amatori #Rugby #Novara

Condividi sulla tua pagina social

San Mauro 40 – Novara 10

Gica Vacaru, tecnico Amatori Rugby NovaraAmaro esordio per  il neo tecnico rumeno Gica Vacaru da quest’anno al timone del Novara. Trasferta molto difficile contro una delle squadre favorite per la vittoria finale , solida e rapida nello sfruttare al largo le incertezze dei novaresi , con buone individualità in terza linea e nell’asse apertura,centro,estremo. Però il Novara ha regalato tutto il primo tempo rinunciando al possesso palla con calci fuori misura e ,soprattutto , rinunciando a difendere con efficacia nei placcaggi individuali e nell’organizzazione collettiva. Non è servito, pertanto, a risultato ormai compromesso, un ottimo secondo tempo il cui punteggio è stato di 7 – 5 per i padroni di casa. Da salvare una grande prestazione in mischia ordinata e una solida rimessa laterale.

Il Novara si schiera con Loddo e Cravini in mediana e con l’inedita coppia di centri Barelli e Quirino, mentre all’ala esordisce in serie C il classe ’96 Vicari. Dieci minuti di studio e il San Mauro schiaccia sull’acceleratore con i propri tre quarti che fanno soffrire la difesa novarese in continuo arretramento. Tanti placcaggi falliti e arriva la puntuale meta dei padroni di casa con relativa trasformazione. Capitan Viana sprona i ragazzi ,ma pare che a raccogliere la bandiera ci sia solo il pack che in mischia ordinata è un rullo compressore. Con volontà il Novara cerca di arrivare alla meta ,ma poi l a lucidità dei registi viene meno e le occasioni sfumano. Lucido è il San Mauro che in 20’ va due volte al bersaglio grosso. La prima con sconcertante facilità da calcio di punizione,mentre la seconda  con una ripartenza da mischia ordinata complice dormita collettiva delle terze linee novaresi. Il Novara cerca di scuotersi e finalmente al 35’ Quirino riesce a trovare il varco giusto e allarga per Freitas che deposita in meta. Nemmeno il tempo di gioire che il San Mauro recupera il pallone su un calcio di liberazione e contrattacca con il proprio estremo che si beve la difesa novarese per 40 metri e segna la quarta meta. Allo scadere del primo tempo altra segnatura che di fatto chiude la partita perché appare molto difficile per il Novara odierno un recupero di 25 punti. Ad  inizio ripresa arrivano le sostituzioni  di Ventruto per Maas e del rientrante Verrastro per Stofella. Il Novara appare più determinato e dà battaglia non avendo più nulla da perdere. La partita diventa più equilibrata e il pack del Novara assicura sempre un buon numero di palloni. Nemmeno il cartellino comminato a Freitas per proteste rompe l’equilibrio. Cambio di mediana con Sogni al posto di Loddo e Familiari per Cravini, mentre poco dopo Mastroianni sostituisce Fraitas. La squadra gioca adesso con più lucidità e con la giusta determinazione, mettendo in difficoltà i torinesi. Barelli a secondo cemtro è  più mobile, mentre  Sogni è solido nell’avanzamento. Vicari non si tira indietro e sfiora la meta che arriva invece al 25’ per mano di Familiari bravo a  concretizzare un tambureggiante assalto alla trincea torinese. Entra Fabio Loretti  al posto di Tromellini ,mentre sfortunatissimo il cambio di Quadraro con  Fortunelli che deve uscire subito per un brutto infortunio alla gamba. Ancora Novara vicino alla terza meta ,ma alcune belle iniziative si sprecano per  dei passaggi in avanti. Sul finiere ancora una meta dei padroni di casa che sfruttano indisturbati un dubbio calcio di punizione concesso per un fallo in mischia ordinata di Ventruto. Ancora una volta nessuno placca.Non bisogna drammatizzare la sconfitta perché il campionato è lungo e difficile e gli allori dello scorso anno non ci sono più. Occorre lavorare con serietà e umiltà per crescere e battere gli avversari più blasonati come quelli  meno titolati. Crediamo che ci siano tutte le condizioni per poter fare bene a cominciare dal derby di domenica prossima con il Vercelli. Da sottolineare le prove di Barelli e Vicari e la forza della prima linea . Man of the match Cotroneo.

Formazione: Quadraro (Fortunelli), Cotroneo, Maas (Ventruto), Colombo, Tromellini (Loretti F.), Stofella (Verrastro), Viana, Loretti L., Loddo (Sogni), Cravini (Familiari), Barelli, Quirino, Mallah, Vicari, Freitas (Mastroianni)

Allenatore : Vacaru.

Novara  24 – S.Andrea  5

Spesso i derby  non offrono un bello spettacolo perché vissuti dai contendenti con eccessivo nervosismo  dovuto alle attese della vigilia: così è stato per l’odierno derby della risaia. Il Novara ha offerto ai numerosi tifosi accorsi in massa sulle tribune del Laurenti uno spettacolo mediocre e incolore in cui la propria evidente superiorità tecnica e fisica è stata sterile nel risultato , sempre in bilico fino a 10’ dalla fine tanto che stava per verificarsi la clamorosa sorpresa se il S.Andrea avesse avuto un po’ più di lucidità . Gli ospiti dal canto loro hanno giocato una gara  generosa  con una buona prestazione del pacchetto di mischia efficace soprattutto nel gioco a terra ,seppur sempre al limite del fallo.Il Novara schiera in campo Mastroianni estremo  e la coppia Quirino / Cravini in mediana, mentre Verrastro sostituisce l’infortunato Cotroneo.   Sembra essere una buona giornata perché il Novara passa già al 5’. Rimessa laterale ridotta , palla a Quirino che lancia Cravini in percussione. Puntuale il sostegno di Sogni che deposita in meta. Cravini cicca la facile trasformazione. Troppo facile e troppo bello sarebbe giocare in discesa e invece arriva subito la salita perché gli ospiti non si scoraggiano e tengono duro. La mischia ordinata zoppica un po’ perché Quadraro non trova la posizione,mentre in  rimessa laterale non arriva mai il lancio giusto di Verrastro.  Il Novara appare confuso e povero di idee e si inguaia da solo. Invece di giocare rapidamente al largo i padroni di casa si impantanano in un combattimento di trincea che non porta alcun frutto. Il S. Andrea ci prova con due punizioni ma Carlone non centra  i pali. Quirino è il solito leone in difesa ma pecca di lucidità nello smistamento del gioco e commette due clamorosi avanti a ridosso della linea di meta  che spengono altrettanti attacchi del Novara. Neppure il giallo comminato al mediano di mischia ospite per un placcaggio in ritardo su Quirino frutta dei punti. Solo al 40’ la superiorità del Novara si concretizza in meta : mischia sui 5 metri per gli ospiti che vengono arati dalla nostra prima linea e ovvia ripartenza di Viana cha schiaccia in meta. Risultato parziale 10 -0 .Vacaru cerca di correre ai ripari utilizzando la panchina. Subito dentro Ventruto, Della Pietà  e Freitas per  Maas, Verrastro e Cravini. Il Novara sembra motivato e crea alcune belle occasioni : Freitas contrattacca da par suo ,ma sul placcaggio subito dall’ultimo difensore commette fallo, mentre analoga incursione di Barelli è vanificata dal mancato sostegno al giovane centro. Pertanto il S.Andrea rimane in partita anche perché la rimessa laterale novarese continua a stentare nonostante l’ingresso del gigante d’ebano Bamba al posto di Tromellini.  Entra Loddo al posto di  un  incerto Quirino e il gioco del Novara si vivacizza . Altra clamorosa occasione sciupata dal Novara al 20’ con  “faina” Loddo che semina il panico nella difesa ospite per lanciare Freitas  bravo a cercare il sostegno di Sogni che ha un’autostrada libera  davanti ,ma perde il telepass ovale con un avanti  clamoroso. Così come è clamorosa la meta che rimette in corsa i bicciolani. Touche vinta a schiaffetto dal Novara e Della Pietà  scarica un  pallone ballonzolante in malo modo per Loddo che ,sotto pressione, utlizza la peggior soluzione calciando sulle mani di una seconda linea ospite che ringrazia e va in meta. A complicare le cose arriva il cartellino giallo per Stofella non nuovo a falli di reazione ed infatti sarà sostituito da Fabio Loretti  al termine della penalità.Ora sono gli ospiti che ci credono e hanno anche l’occasione clamorosa di raggiungere il Novara su rimessa laterale con lancio a favore nei nostri 22 metri. Qui il Novara reagisce alla grande e carretta indietro gli avversari di una ventina di metri recuperando palla e contrattaccando  con uno slalom ubriacante di Loddo, tornato subito “faina”, che smarca benissimo Freitas  le cui  lunghe leve seminano i difensori e arrivano in mezzo ai pali . E’ il 35’ e Mastroianni  realizza la trasformazione. Entra Mallah per un esausto Vicari. Il Novara continua a premere nella spasmodica ricerca della meta del  bonus che arriva a tempo scaduto . Mischia vinta nei 22 avversari  e sventagliata al largo dove Mallah imposta una ruck vicino alla bandierina . Un  paio di ripartenze e finalmente Luca Loretti trova il varco giusto e si fa perdonare una pessima prestazione. Mastroianni trasforma e l’arbitro fischia. Il pubblico applaude generosamente, ma  è ovvio che in settimana si dovrà lavorare parecchio per presentarsi competitivi domenica prossima sul difficile campo dell’Ivrea. Man of the match a Viana.

Formazione: Quadraro, Verrastro(Della Pietà), Maas (Ventruto), Colombo, Tromellini (Bamba), Loretti  L. , Viana , Stofella (Loretti F.),Quirino (Loddo), Cravini (Freitas), Sogni, Barelli, Vicari (Mallah), Mastroianni, Medda.

Allenatore : Vacaru