Esonerato William Viali. Giuseppe Sannino nuovo allenatore del Novara

Condividi sulla tua pagina social

di Simone Balocco

 

La notizia era nell’aria già dopo il brutto pareggio interno di domenica pomeriggio contro la Pistoiese e nella tarda mattinata di oggi è arrivata l’ufficialità: il Novara Calcio ha esonerato William Viali. Hanno pesato come un macigno le ultime tre prestazioni della squadra (sopratutto le sconfitte contro Carrarese e Pro Patria) unite al fatto che la squadra azzurra sia solamente nona in classifica dopo ventisette giornate. Il contratto con il tecnico ex Cuneo sarebbe scaduto il prossimo 30 giugno.

L’allenatore di Vaprio d’Adda era arrivato al Novara la scorsa estate e dopo le prime partite stagionali non aveva impressionato i tifosi. Oltre a fatto di non averli impressionati, sulla squadra del Presidente de Salvo ha pesato il fatto che la squadra non abbia mai giocato bene e sia sempre apparsa lontana dall’essere quella squadra che doveva fare il salto di qualità. Soprattutto in casa, dove le vittorie (in tredici partite) sono state solo tre e le sconfitte altrettante, anche se due contro squadre neopromosse dalla Serie D. Per non parlare di complessivi sedici pareggi che rendono il campionato del Novara (almeno fino a questo punto della stagione) molto anonimo, nonostante il raggiungimento degli ottavi di finale di Coppa Italia.

Il bilancio azzurro di Viali è di 32 partite con dieci vittorie, sedici pareggi e sette sconfitte, quaranta gol fatti e trentadue subiti.

Il direttore sportivo Carlalberto Ludi si era mosso per cercare un sostituto. Ieri sono iniziati a circolare i primi nomi e solo nella serata di ieri si era paventato il nome del nuovo tecnico azzurro e oggi pomeriggio l’ufficialità: Giuseppe Sannino è il nuovo allenatore del Novara. Il tecnico campano ha firmato un contratto fino al 30 giugno 2019, vale a dire fino al termine della stagione. Il suo collaboratore tecnico sarà Stefano Albertoli, mentre rimarrà in azzurro tutto lo staff precedentemente a disposizione di Viali: il vice- Massimo Guidetti, il preparatore atletico Francesco Negro e l’allenatore dei portieri Andrea Sardini.

Il debutto sulla nuova panchina per Beppe Sannino sarà il prossimo 2 marzo poiché domenica la squadra azzurra non giocherà contro la Pro Piacenza in trasferta poiché il club emiliano è stato escluso dal campionato. Sannino debutterà in casa contro la Pro Vercelli capolista al “Piola” di viale Kennedy nel sentitissimo “derby delle risaie”. Battesimo di fuoco per un tecnico molto “caliente” e che sa il fatto suo e che avrà ora undici giorni per conoscere il gruppo e diffondere il “sanninismo” a tutta la squadra.

Giuseppe Sannino è il quarto allenatore del Novara in queste ultime due stagioni, nonché il dodicesimo nelle ultime dieci ed il diciassettesimo sotto la gestione de Salvo (dal 2006).

In rosa, Sannino ritroverà tre suoi ex giocatori, ovvero Daniele BuzzegoliUmberto Eusepi e Pablo Gonzalez: primi due giocatori sono stati ai suoi ordini a Varese, il terzo a Siena. Il toscano è stato il leader di quel Varese ed autore delle due reti nella finale play off che portarono la squadra lombarda in Serie B dopo ventisei anni di attesa; l’attaccante di Tivoli giocò solo sei partite per poi passare al Pavia in Lega Pro nel gennaio 2011 ed ebbe Sannino anche a Salerno per sei mesi, in Serie B, nella prima parte della stagione 2015/2016; Gonzalez fu allenato da Sannino nella sua unica stagione in Serie A in Italia con il Siena.

Sannino è reduce dall’amare esperienza greca dove fino allo scorso 23 gennaio allenava il Levadeiakos, formazione della Serie A ellenica (la Souper Ligka): esonero per lui.

Beppe Sannino è il classico allenatore di categoria. Nativo di Ottaviano, ha un passato da giocatore con molte squadre di Serie C e Serie D tra 1976 ed il 1987 e dopo la sua ultima esperienza da calciatore, decise subito di allenare partendo dalla Biellese, in Serie C2, nella stagione 1998/1999. Da allora ha vinto tre campionati: due di Lega Pro (con Pergocrema e Varese) ed uno di Serie D con il Trento.

Sannino ha saputo farsi conoscere ed apprezzare quando era allenatore del Varese, formazione allenata dal 2008 al 2011 con la vittoria del campionato di Lega Pro 2a divisione e la vittoria dei play off promozione per la Serie B (era nello stesso girone del Novara di Tesser che vinse il campionato). L’anno in Serie B vide i biancorossi piazzarsi al quarto posto dietro al Novara e la squadra perse i play off contro il Padova.

La stagione successiva Sannino firmò con il Siena in Serie A, portandolo alla salvezza. Rimase in Serie A anche le due stagioni successive con Palermo (2012/2013) e ChievoVerona (2013/2014): con i rosa-nero fu esonerato in autunno per poi tornarvi a marzo chiudendo la stagione con la squadra retrocessa in B; con i clivensi rimase fino a novembreper poi essere esonerato.

Per due stagioni allenò in Inghilterra il Watford, in Championship, per poi essere esonerato nella seconda.

Dall’ottobre 2014 è tornato in Italia, allenando in Serie B (Catania e Salernitana), Serie A (Carpi), Serie C (Triestina) con parentesi greca: nelle ultime cinque stagioni non ha mai concluso il campionato tra esoneri e dimissioni.

Sannino è considerato un tecnico molto preparato e dotato di quel carisma che piace a tanti tifosi: epiche le sue urla in campo per spronare i suoi giocatori.

Starà ora a lui dare la scossa ad un ambiente un po’ troppo deluso da questo campionato che sembra essere di giornata in giornata sempre più anonimo e deludente. Saprà il tecnico di Ottaviano, un sergente di ferro, far risalire la china alla squadra e far tornare un po’ di ottimismo alla piazza? Mancano undici giornate alla fine del campionato e la disputa (almeno) dei play off a livello di girone è abbordabile.

Buon lavoro, mister Sannino.

foto di Viali tratta da www.youtube.com

foto di Sannino nell’articolo tratta da www.spazionapoli.it

foto di Sannino in evidenza tratta da www.modenatoday.it