Esordio difficile per il Baseball Novara: doppia sconfitta a Sala Baganza

Condividi sulla tua pagina social
baseball novara

baseball novara

Non è stato un esordio positivo quello del Baseball Novara, impegnato domenica scorsa a Sala Baganza contro la locale E-Tecno1 Fontana. Gli emiliani hanno sconfitto per due volte la compagine di Gianmario Costa, penalizzata in entrambi gli incontri da troppi errori difensivi.

Nel primo match parte Lorenzo Tua sul monte di lancio e il suo inizio è molto complicato. Nel primo inning subisce 6 punti con 4 valide e l’incontro si incanala immediatamente su una brutta china. Il Novara prova subito a reagire nella seconda ripresa, quando incontra il partente di casa Fornasari con un doppio di Fornari e un singolo di Sosa, accorciando le distanze sul 6 a 2. L’incontro si blocca e solo al 7° inning gli emiliani siglano il punto del definitivo 7 a 2 grazie a 2 errori sul giovane rilievo Visentin.

Nel secondo incontro, l’inizio è ancora una volta complicato: i battitori di casa si scatenano su Di Taddeo colpendolo 4 volte nella prima ripresa. La difesa non aiuta il pitcher ospite e dopo quasi quattro riprese il partente novarese è costretto a scendere dopo aver subito ben 10 valide e 9 punti, di cui però solo 4 guadagnati su di lui. L’attacco novarese contro Pizzarotti fa il possibile, segnando un paio di punti grazie al doppio di Sosa che spinge a casa Caglieris, e a Barbero che sigla un punto grazie a una valida e a un successivo errore difensivo.

Il match, poi, non ha storia: i padroni di casa portano a casa un punto all’8° inning sul rilievo Daniele Costa, autore di un buon finale di partita, mentre i piemontesi accorciano sino al definitivo 10 a 4 con in evidenza Abbrescia (autore di un doppio), Fornari e Sosa (altro doppio, 3 su 8 e 4 RBI per lui nei due incontri).

L’occasione per rifarsi sarà già sabato prossimo al Provini contro il fortissimo Bollate, che nel weekend ha pareggiato contro il Senago. Ad affrontare i novaresi l’ex Antonio Noguera, autore di una splendida no hit (e 18 strike out) contro i milanesi.

Al di là dell’evento sportivo, il Baseball Novara piange la scomparsa di un suo grandissimo tifoso, Gian Carlo Tardivo, padre del proprio ex giocatore Sergio Tardivo e delle due agoniste del softball Marzia e Gessica. Una perdita enorme non solo per i suoi cari, a cui l’intera società novarese si stringe in un caloroso abbraccio, ma anche per chi l’aveva conosciuto e per tutto il mondo del batti e corri.