Gruppo Consigliare Per Novara: “Ascoltiamo la città: un consiglio comunale straordinario e aperto sul futuro di piazza Martiri e sul piano del Traffico”

Condividi sulla tua pagina social

1Alessio MarrariIn questi giorni Sindaco e Giunta hanno più volte rilasciato dichiarazioni in merito all’imminente chiusura di Piazza Martiri al traffico delle auto. Ma il Consiglio Comunale non ne ha mai discusso.

“Per questo – dicono i consiglieri del Gruppo “Per Novara” – abbiamo chiesto, insieme agli altri gruppi consiliari di minoranza, la convocazione di un consiglio comunale  straordinario e aperto alla cittadinanza sull’argomento. Prima di assumere un’iniziativa importante come quella della chiusura di una delle principali piazze della città, occorre fare valutazioni più approfondite, che coinvolgano maggiormente i novaresi”.

“E’ sconcertante questo modo di procedere da parte dell’amministrazione – affermano i consiglieri Daniele Andretta, Isabella Arnoldi e Pietro Gagliardi – si lanciano proposte senza presentare alcun progetto concreto, senza sottoporsi ad alcun confronto, senza nessuna possibilità di valutazione oggettiva… Quasi che una scelta tanto importante sia paragonabile al mettere “mi piace” o meno su un social network”.

“Un consiglio comunale aperto – sostiene Andretta  – avrà la funzione di aprire la discussione ad ampio raggio, di far emergere i diversi punti di vista, di sollevare criticità ed evidenziare i vantaggi. Debbono essere ascoltati i commercianti e tutti quelli che nel centro vivono e lavorano e soprattutto è necessario offrire serie alternative di sosta, affrontando una volta per tutte i temi del traffico, del trasporto pubblico e della vivibilità della città”.

“La polemica lanciata da Ballare’su chi è stato favorevole o meno alla chiusura della piazza nel passato è ridicola – prosegue Arnoldi –  C’erano condizioni diverse, compresa la realizzazione del parcheggio sotterraneo. Se ora le condizioni sono cambiate bisognerà capire quali sono quelle nuove e fare le opportune valutazioni. Io credo che tutti i novaresi vogliano una bella piazza riqualificata… Ma bisogna capire come si arriva a questo risultato, a quali condizioni ed eventualmente a quale prezzo. I continui riferimenti al passato del Sindaco hanno veramente stancato; bisogna che questa amministrazione cominci a fare i conti con il presente e soprattutto con la realtà”.

“Nel bilancio di previsione – dice Gagliardi – sono stati stanziati due milioni di euro per chiudere Piazza Martiri. Ma è il caso di spendere questi soldi? E per fare che cosa? Com’è stata calcolata questa somma? Tutte domande che ad oggi non hanno avuto risposta. In questo modo si crea solo confusione e in qualche caso, ad esempio fra i commercianti, preoccupazione. Qui non si tratta di far polemica, ma di capire”.

“Ringraziamo ovviamente i colleghi di opposizione che hanno condiviso questa iniziativa (hanno aderito tutti, Pdl, Lega, Movimento 5 Stelle e Udc) – conclude Andretta – perché come noi avvertono la necessità di un confronto più serrato. Allo stesso modo ringraziamo quanti hanno manifestato il loro interesse ad intervenire e l’auspicio è che la maggioranza non voglia far tacere queste voci, siano essere favorevoli e contrarie”.

                                                                                Novara,  06 Novembre 2013

                                                                               Spett.le

                                                                               Presidente del Consiglio Comunale

                                                 Segreteria Generale

                                                                               del Comune di Novara

Oggetto: Richiesta di Consiglio Comunale ex art. 21 comma 4 del Regolamento Comunale

 

 

 

 

            I sottoscritti Consiglieri Comunali,

PRESENTANO ISTANZA

Affinchè possa rapidamente convocarsi uno specifico Consiglio Comunale, aperto alla Cittadinanza,

per dibattere e discutere sul punto dell’Ordine del Giorno :

PEDONALIZZAZIONE DI PIAZZA MARTIRI

           Con Osservanza.