Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale: Novara si prepara all’adesione

Condividi sulla tua pagina social

Adesione al  Gruppo europeo di cooperazione territoriale (Gect): Novara si prepara ad aderire formalmente al Gruppo. Se ne parlerà ufficialmente domani, giovedì 11 aprile, a Genova, durante un incontro formale tra tutti i partner coinvolti. <<Il Gect come spiega lassessore allUrbanistica e Governo del territorio Elisabetta Franzoni, che rappresenterà Novara per loccasione è un organismo che, appunto, riunisce nel Forum del Corridoio istituito dallUnione europea le Istituzioni nazionali, europee e quelle del settore delle infrastrutture interessate dal progetto con il quale si prevede di dare vita allo stesso Corridoio come parte della rete di trasporto transeuropea. Questa realizzazione avrà positive ricadute sulle aree industriali che attraversa, creando opportunità competitive e diffusione dei benefici economici e sociali. La partecipazione della nostra città al Gect ci fornisce lopportunità per valorizzare e accrescere ulteriormente limportante funzione che Novara, centro logistico prioritario per tutto il Nord Italia, già svolge sul Corridoio>>. Lassessore ricorda che <<con la piena operatività dei tunnel di base di Lötschberg, Gottardo e Ceneri e con il potenziamento della rete ferroviaria di adduzione, laccessibilità tra Italia e Svizzera risulterà fortemente potenziata: si apre infatti la possibilità di un più efficiente collegamento con i mercati dOltralpe. Proprio attraverso il suo ruolo sul Corridoio Reno-Alpino, Novara può quindi contribuire ad accrescere la posizione competitiva e lintegrazione a livello europeo delle regioni italiane: ladesione al Gect rappresenta uno strumento di valorizzazione che, nellambito del sistema di comunicazioni a scala europea, contribuirà ad accrescere il ruolo chiave della nostra città, realtà al centro di un sistema territoriale che comprende laeroporto di Malpensa, il porto di Genova e il nuovo polo fieristico di Rho-Pero>>. Il Direttore generale del Comune Roberto Moriondo ricorda inoltre che <<a Novara ha sede il Centro interportuale merci, nodo logistico per l’Italia Settentrionale. Alla luce di queste considerazioni l’Amministrazione ritiene che il Corridoio Reno-Alpi possa rappresentare uno strumento fondamentale per connettere il sistema produttivo locale ai paesi del Nord e del Centro Europa, svolgendo un ruolo di porta d’accesso al continente europeo dal Mediterraneo. Per questi motivi e per le caratteristiche territoriali della nostra città l’adesione al Gect rappresenta un atto non solo formale, ma strategico oltre che complementare alle iniziative di cooperazione territoriale e transfrontaliera già intraprese dalla Regione Piemonte, dalla Regione Liguria e dalla Regione Lombardia nellambito della Cabina di Regia del Nord-Ovest>>.