I “Nido” del Comune di Novara, eccellenza internazionale per l’attività di integrazione dei diversamente abili

Condividi sulla tua pagina social

L’esperienza sarà presentata il prossimo 9 dicembre a Torino in un convegno con esperti di tutto il mondo

asilo-nido-milanoLa prassi messa in atto dai Servizi Educativi per la prima infanzia del Comune di Novara a favore dei bimbi disabili di età compresa tra gli zero ed i tre anni, è stata inserita del gruppo delle esperienze più significative in termini di innovabilità, replicabilità, flessibilità, sostenibilità e integrazione, con altri soggetti impegnati sullo stesso tema, da parte degli organizzatori del convegno “Investire nell’infanzia è coltivare la vita” che avrà luogo a Torino il prossimo 9 dicembre alla Galleria d’Arte Moderna di Corso G.Ferraris, 30.

Si tratta di un importante riconoscimento, previsto nell’ambito dell’incontro che è promosso dalla “Compagnia di San Paolo” e dalla Fondazione Zancan Onlus-Centro Studi e Ricerca Sociale.

La Fondazione «Emanuela Zancan» Onlus è un centro di studio, ricerca e sperimentazione che opera da oltre quarant’anni nell’ambito delle politiche sociali, sanitarie, educative, dei sistemi di welfare e dei servizi alla persona. Svolge le sue attività grazie alla collaborazione di molti studiosi ed esperti italiani e stranieri.

Il convegno si inserisce nelle attività del Transatlantic Forum on Inclusive Early Years. Il Transatlantic Forum è promosso da numerose Fondazioni europee e nord americane per sostenere il dibattito e lo scambio tra decisori politici, ricercatori, esperti, operatori coinvolti nell’elaborazione, applicazione e monitoraggio di politiche per lo sviluppo dell’educazione e della cura della prima infanzia (0-6 anni). Una particolare attenzione è dedicata ai bambini appartenenti a famiglie migranti o in situazione di disagio. In Italia l’iniziativa ha promosso, nel corso del 2013, incontri nazionali di esperti, politici, ricercatori che insieme hanno approfondito i temi dell’accessibilità dei servizi e delle risorse economiche e professionali destinate alla prima infanzia. Nel convegno vengono presentati i risultati di questo dibattito e le più innovative soluzioni italiane su questi aspetti.