Igor, finale di Coppa Italia: azzurre vittoriose 3-0 su Busto Arsizio

Condividi sulla tua pagina social

La Igor Volley di Massimo Barbolini supera in tre set Busto Arsizio e conquista l’accesso alla finalissima di Coppa Italia, la terza della sua storia, in programma domani alle 18 contro la vincente dell’altra semifinale tra Conegliano e Scandicci. Trascinate da una strepitosa Bartsch-Hackley (22 punti, top scorer del match, 3 muri e un 40% di efficienza in attacco) e dai 21 punti della solita Egonu, le azzurre tengono sempre in mani il pallino del gioco, chiudendo a proprio favore gli scambi decisivi del match.

Barbolini schiera Carlini in regia con Egonu in diagonale, Chirichella e Veljkovic al centro, Bartsch-Hackley e Plak in banda e Sansonna libero; Mencarelli si affida a Grobelna opposta a Orro, Bonifacio e Samadan centrali, Herbots e Gennari schiacciatrici e Leonardi libero.

Parte bene Novara, che trova il primo break con Egonu dopo un lungo scambio (3-1) mentre Busto sfrutta il turno in battuta di Herbots e rientra da 5-3 fino al 5-7, costringendo Novara a inseguire e a ricucire lo strappo con Plak (maniout, 9-9). Grobelna firma il nuovo break (9-11, diagonale), Egonu mura Herbotsh e due punti di Bartsch-Hackley scavano il solco sul 16-14, con Egonu che trova il +3 mentre Mencarelli ferma il gioco; Bartsch-Hackley detta il ritmo (19-15), Meijners entra per Grobelna e Herbots fa 20-18 con Busto che rientra poi fino al 22-21. Bartsch-Hackley mura Herbots e trova il set ball (24-21), poi l’americana chiude in diagonale fino al 25-22.

Grobelna prova a reagire (1-3), Egonu concretizza due grandi difese e sorpassa 5-4 e Chirichella firma l’8-6 cui replica, a muro, Samadan (8-8) innescando un bel punto a punto che prosegue fino al 15-15 firmato da Egonu in diagonale. Barbolini inserisce Piccinini e sul servizio del capitano arrivano un numero di Bartsch-Hackley su Meijners e uno di Chirichella su Grobelna (17-15) che costringono al timeout Mencarelli, poi l’ace di Zannoni, appena entrata, vale il 20-16. Herbots reagisce e fa 21-19 in maniout, Veljkovic riprende la marcia (22-19) e dopo l’errore di Grobelna (24-21) arriva l’ace di Egonu (25-21) che vaie il 2-0.

Novara riparte forte (Carlini, 3-1) ma Busto sfrutta il turno in battuta di Orro e fa 3-5 prima che Plak propizi, al servizio, il break che vale il 10-5 con tre punti in pochi scambi di Bartsch-Hackley. Mencarelli ferma il gioco e rimanda in campo Meijners, Chirichella fa 12-7 ed Egonu allunga ancora in parallela per il 14-8 mentre tra le ospiti è la solita Herbots a fare -4 in maniout (16-12). La belga firma anche l’ace del 18-15, Barbolini ferma il gioco e sono ancora Egonu e Bartsch-Hackley a lanciare le azzurre sul 21-16. Piccinini concretizza un’ottima giocata difensiva di Egonu (23-17) e poco dopo Veljkovic manda la Igor in finale con l’ace del 25-19.

Massimo Barbolini (allenatore Igor Gorgonzola Novara): “Abbiamo fatto la partita che volevamo e che avevamo preparato, lavorando molto bene in difesa e aggiudicandoci diversi scambi lunghi, mantenendo sempre il vantaggio nonostante loro non ci abbiano regalato nulla. Hanno commesso pochi errori, noi abbiamo avuto lucidità e pazienza nel gestire il match. Domani ci si gioca un trofeo, servirà una partita di altissimo livello”.

Francesca Piccinini (schiacciatrice Igor Gorgonzola Novara): “Siamo state brave a tenere sempre il controllo del match, Busto ha sbagliato poco ma noi abbiamo lavorato benissimo con il muro-difesa e loro hanno sofferto parecchio questa situazione. Domani giochiamo una finale, non mi preoccupo di chi sarà l’avversario, da uno scontro diretto esce la migliore e domani affronteremo quella squadra. Servirà un’altra prova importante di tutta la squadra”.

Igor Gorgonzola Novara – Unet E-Work Busto Arsizio 3-0 (25-22, 25-21, 25-19)
Igor Gorgonzola Novara
: Carlini 2, Stufi ne, Camera ne, Plak 7, Nizetich ne, Chirichella 4, Sansonna (L), Piccinini 1, Bici ne, Bartsch-Hackley 22, Zannoni 1, Veljkovic 6, Egonu 21. All. Barbolini.
Unet E-Work Busto Arsizio: Piani ne, Peruzzo ne, Herbots 13, Grobelna 8, Gennari 5, Cumino ne, Orro 1, Leonardi (L), Bonifacio 9, Meijners 4, Berti 1, Samadan 4, Botezat. All. Mencarelli.