Igor vittoriosa in tre set in Ucraina

Condividi sulla tua pagina social

Vittoria piena per la Igor Volley di Massimo Barbolini, che in Ucraina conquista tre punti importanti per la corsa al primato nella Pool C della Champions League 2020. Le azzurre, ben orchestrate dalla MVP del match Micha Hancock (10 punti e 6 ace per lei a referto) domano in tre set le padrone di casa del Khimik Yuzhny, ottenendo la quarta vittoria in cinque match disputati.

Ucraine in campo con Kyrychenko opposta a Skrypak, Frolova e Brown centrali, Boyko e Khober schiacciatrici e Niemtseva libero; azzurre che perdono all’ultimo minuto Courtney (problemino alla schiena per lei) e che partono con Hancock in regia e Brakocevic in diagonale, Chirichella e Veljkovic al centro, Di Iulio e Vasileva in banda e Sansonna libero.

L’avvio punto a punto (5-4, fast di Brown) è “rotto” dal break in battuta di Vasileva, che porta le azzurre fino al 5-9 (punto a rete di Hancock) nonostante il timeout ucraino. La stessa bulgara firma il 7-12 in pipe, mentre dal centro (9-14, primo tempo di Veljkovic e 11-17, fast di Chirichella) arrivano i punti che ipotecano il set. Di Iulio avvicina il traguardo (11-19), Hancock va a segno in attacco e in battuta (13-24) e ancora Di Iulio chiude il parziale in parallela sul 14-25.

Avvio testa a testa anche nel secondo set, con Vasileva che mette la freccia sul 4-5 e poi firma il break del 5-7 in diagonale; Di Iulio, due volte, e Veljkovic (6-11) allungano, un doppio ace di Hancock vale il 7-16 mentre Sansonna si esalta in difesa e propizia il 9-17 di Brakocevic in parallela. Boyko prova a rientrare (11-17, maniout), Vasileva scappa di nuovo (11-20, poi 11-22 con muro su Kyrychenko) e il tocco di Chirichella vale il 12-24: è ancora Vasileva, al terzo tentativo, a chiudere il set in diagonale sul 14-25.

Hancock accelera subito (due ace, 0-3), Vasileva e Chirichella firmano il 2-7, con la centrale che chiude in primo tempo uno scambio infinito. Ancora il capitano azzurro a segno per il 3-10 e a metà parziale arriva un altro ace di Hancock per l’8-16 Igor, mentre Yuzhny fatica a reagire, tanto che il primo tempo di Veljkovic vale il 9-20. Novara ad alto ritmo nonostante il cambio della diagonale principale (dentro Morello e Mlakar) e dall’11-23 firmato da Chirichella si arriva rapidamente a fine parziale con un errore in battuta e un fallo a rete delle ucraine, per il 12-25 che chiude il match.

Chiara Di Iulio (schiacciatrice Igor Gorgonzola Novara): “Sapevamo che era una partita da vincere a tutti i costi, il cui risultato era fondamentale per il nostro cammino europeo. Volevamo una vittoria e anche una prestazione positiva e credo sia stato importante ottenere dei parziali netti, senza mai avere cali di attenzione o senza mai concedere alle avversarie di prendere troppa fiducia. Tra due settimane c’è il match decisivo con Lodz per il passaggio del turno, una sfida cruciale e da non sbagliare. Prima, però, ci aspetta un ciclo di tre partite durissime in campionato da cui dovremo provare a trarre il massimo”.

Khimik Yuzhny – Igor Gorgonzola Novara 0-3 (14-25, 14-25, 12-25)
Khimik Yuzhny
: Kyrychenko 2, Kozlova, Niemtseva (L), Skrypak, Frolova 3, Boyko 8, Stepanovska 1, Brown 7, Singkh (L) ne, Yakovchuk ne, Velykokon, Mykytiuk, Maievska ne, Khober 5. All. Nikolayev.
Igor Gorgonzola Novara: Mlakar, Brakocevic 13, Morello, Napodano, Gorecka ne, Di Iulio 6, Chirichella 11, Sansonna (L), Hancock 10, Arrighetti ne, Piacentini (L) ne, Vasileva 11, Veljkovic 7. All. Barbolini.
MVP: Micha Hancock