Il mistero intorno a Simona

Condividi sulla tua pagina social

dal Corriere di Novara

Oleggio – È il momento – come confermano gli stessi familiari – delle segnalazioni a quanto pare del tutto inattendibili, dei mitomani, delle voci incontrollate, addirittura delle leggende metropolitane. A una settimana esatta dalla sparizione di Simona Melchionda, 26 anni il prossimo 20 novembre, sono ancora ben pochi gli elementi veri e verificati sui quali lavorare per cercare di far luce su una vicenda che si fa sempre più intricata. L’impressione, comunque, senza spingersi in illazioni, è che qualcuno sappia e non parli, o perlomeno, non abbia detto tutto quello che sa. Familiari e amici si stringono ai genitori di Simona, Leonardo e Giovanna, e al fratello maggiore Roberto, nella casa oleggese di via Cascine Calini 1/z.