Il Novara batte l’Al Sailiya davanti ad un migliaio di tifosi. Ma la testa per tutti è a domani…

Condividi sulla tua pagina social

by Simone Balocco

NovarelloNonostante il tempo (molto) variabile, ieri pomeriggio ad assistere alla terza uscita del Novara Calcio, dopo sedici giorni di ritiro, c’era almeno un migliaio di tifosi richiamati dall’uscita di profumo “internazionale” degli azzurri sul campo 4 del centro sportivo di Novarello.

Dopo la vittoria con il Settimo (6 a 0) ed il pareggio a reti inviolate contro il Chieri, Gonzalez e compagni hanno avuto la meglio dei qatarioti del Al Sailiya, club della massima serie del Paese arabo, per 1 a 0, con rete del brasiliano Gustavo al 74 “imbeccato” da Gonzalez da almeno 20 metri con un assist che il giocatore, in campo dal 1′ della ripresa, non ha potuto sbagliare davanti al portiere avversario. Seconda rete per l’ex giocatore della Salernitana in queste tre partite amichevoli.

Mister Mimmo Toscano, che non si è mai seduto nei 90′ di gioco, ha fatto giocare tutti i venti giocatori a disposizione, con il 3-4-3, che diventava 5-3-2 nei momenti di difesa della palla. Assente l’altro neoacquisto, Simone Corazza.

E’ difficile, dopo due settimane di ritiro ed avversari abbordabili, definire chi è in forma o meno. Certo è che qualche considerazione può essere fatta: i nuovi stanno facendo bene, a parte Felice Evacuo ieri un po’ in ombra e non certo al top della condizione, ma i movimenti li ha fatti vedere (altrimenti non si spiegherebbe come nelle ultime nove stagioni, otto sia andato in “doppia cifra” in classifica marcatori); bene Dario Bergamelli, che si è dimostrato “di categoria” con alcuni interventi, così come Gustavo; Luca Barlocco e Desiderio Garufo discreti in fase di copertura, non giudicabile invece Andrea Tozzo, visto che gli avversari si sono fatti vedere dalle sue parti (nel primo tempo) due sole volte, ma senza impensierirlo. Dei
Iacopo Manconivecchi, molto bene Jacopo Manconi (traversa piena per lui su punizioni nel primo tempo), Pablo Gonzalez, Simone Pesce e Romano Perticone. Discrete anche le prove di Paolo Faragò e di Francesco Vicari, mentre sono da rivedere (ma nel complesso sufficienti) le prove di Lorenzo Dickmann e Mustapha Beye. In difficoltà Alberto Libertazzi e Ioannis Potouridis, entrati nella ripresa. Non giudicabili (per aver giocato proprio scampoli di partita) Francesco ParraviciniAndrea Peverelli e gli ex Primavera Niccolo’ Bianchi, Gabrielius Judikass e Nico Schiavi. Sola una parata di rilievo per Enrico Tonozzi nella ripresa.

Ma questo è “calcio d’agosto“. In settimana il Novara dovrebbe disputare un’altra amichevole poi si inizierà a fare sul serio: il 17 agosto, per il secondo turno di “Tim Cup”, il Novara incontrerà il Latina di mister Mario Beretta al “Francioni”, terzo la scorsa stagione ed arrivato in finale playoff. La vincente giocherà il terzo turno il 24 agosto successivo contro la vincente di Brescia-Pro Vercelli.

logo serie BDomani per il Novara potrebbe essere il giorno della svolta: si incontrerà il Collegio di garanzia del Coni che stabilirà, una volta per tutte, se la serie B 2014/2015 rimarrà a 21 squadre o tornerà a 22. Il Novara aveva presentato ricorso già il giorno dopo il termine ultimo per la presentazione della domanda (15 luglio) di iscrizione di Brescia, Siena e Varese, con il club toscano estromesso dalla serie cadetta ed addirittura dai professionisti. Andrea Abodi, presidente della Lega di serie B, in un primo momento aveva stabilito che il ripescaggio della perdente dei playout ci sarebbe stato solo se tre squadre non avessero presentato la domanda, altrimenti ci sarebbe stata la possibilità di vedere una B “Monca” la prossima stagione. In questi ultimi giorni lo stesso Abodi si è dimostrato favorevole ad un ritorno del Novara in cadetteria (il Novara, lo ricordiamo, ha perso i playout salvezza con il Varese). Domani non si saprà però se Il Novara sarà riammesso in serie B, ma che la prossima B sarà a 21 o a 22 squadre. Se sarà a 21 amen, ma se sarà a 22 i tifosi azzurri potrebbero già pensare ad un ritorno della loro squadra del cuore nella seconda serie nazionale.