Il turismo fluviale e le nuove professionalita’ emergenti

Condividi sulla tua pagina social

Il 19 febbraio un convegno sulle ricadute economiche e occupazionali del progetto Idrovia

mercoledì 19 febbraio 2014 presso  l’Associazione Industriali di Novara Corso F. Cavallotti, 25 – Novara

Progetto Interregionale

programma definitivo

scheda di promozione del progetto provincia di__ novara

ImmagineUn convegno per creare uno spazio di confronto efficace tra tecnici, operatori turistici locali e alcuni rappresentanti di esperienze di successo legate al turismo fluviale. Si svolgerà mercoledì 19 febbraio p.v. alle ore 16,30 presso la Sede dell’Associazione Industriali di Novara.

L’incontro rientra tra le attività di comunicazione del progetto “Intrecci sull’acqua, il recupero dell’Idrovia Locarno-Milano” nell’ambito del Programma di cooperazione transfrontaliera 2007-2013 Italia-Svizzera.

“Intrecci sull’acqua”, di cui la Provincia di Novara è capofila, è in piena fase di sviluppo a due anni dal suo avvio. Il Centro di Documentazione Territoriale è stato inaugurato da due mesi e a giorni inizieranno i lavori per la realizzazione del pontone di interscambio sul lungolago di Arona. Sempre ad Arona, in primavera, si svolgerà il convegno finale durante il quale saranno presentati i risultati raggiunti, particolarmente atteso è lo studio finale portato a termine da Confindustria Piemonte in quanto determinerà le attività future da intraprendere in termini di intermodalità, trasporti e turismo.

Il titolo del convegno lascia trapelare i contenuti affrontati dai relatori, esperti provenienti da realtà diverse ma legati dallo stesso interesse dimostrato nei confronti delle vie navigabili. Ad aprire l’incontro, i saluti istituzionali di Fabio Ravanelli, presidente dell’Associazione Industriali di Novara, Luca Bona, vicepresidente e assessore al Turismo della Provincia di Novara, e Francesco Del Boca, Presidente Confartigianato Imprese Piemonte Orientale.

Forte è il tema del Turismo Fluviale in un territorio, quello dell’area Parco Ticino, in cui si stanno gettando le basi per poter parlare di un nuovo prodotto turistico. L’attenzione da parte degli operatori turistici e della navigazione in questi ultimi anni è sempre più alta, in una fase in cui si prospettano nuove opportunità di sviluppo che si affiancheranno al più consueto turismo sui laghi già maturo sul Lago Maggiore.

Lo studio portato a termine dalla dottoressa Stefania Cerutti, dell’Università degli Studi del Piemonte Orientale “A.Avogadro”, mette a confronto il territorio novarese con le esperienze fluviali europee. A partire da un inquadramento di carattere metodologico sul tema “turismo fluviale” e dall’analisi della letteratura sull’argomento, lo studio offre una panoramica relativa all’attuale offerta del prodotto turistico fluviale in Europa con un focus su alcune best practices. In particolare, tale studio si concentra sul progetto locale “Intrecci sull’acqua” quale esempio di realtà italiana in fase di sviluppo, evidenziando le potenzialità per il territorio conseguenti al recupero dell’antica via del marmo, dalla Svizzera verso Milano.

Una nuova frontiera per il nostro territorio ma che conosce realtà molto simili come quella del fiume Po, più che mai attiva con il progetto interregionale PORIVER “Valorizzazione turistica fiume Po” di Regione Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto.  Ad illustrare i risultati ottenuti sono Laura Schiff, Dirigente Regione Emilia-Romagna – Assessorato al Turismo e Commercio , e Gaetano Di Blasi, Funzionario Regione Piemonte – Assessorato al Turismo. Tra le attività portate a termine da quest’ultimo progetto si distingue la realizzazione di un portale web, www.poriver.it, studiato per la promozione dell’intera offerta turistica del territorio tra Monviso e Delta del Po che coinvolge istituzioni e privati.

Non è da meno il progetto “Intrecci sull’acqua”,  che si è lanciato in questi giorni sul web con un nuovo sito di promozione turistica dell’idrovia Locarno-Milano, http://locarnomilanovenezia.com, attività svolta dal partner svizzero Città di Locarno.

Un sito in grado di fornire informazioni storiche e turistiche sulla via navigabile, itinerari tematici e trasporti, oltre a moltissime immagini illustrative e mappe.

Rudy Toninato, Amministratore e Direttore Tecnico di un Tour Operator Incoming attivo sulle aree navigabili da Mantova a Venezia, interviene raccontando la propria radicata esperienza di navigazione sulla Riviera del Brenta.

La sua testimonianza è essenziale per gli operatori presenti al convegno perché consente di  elaborare una concreta attività di analisi sulle mancanze dei sevizi sul territorio novarese e sulle nuove professionalità che saranno coinvolte.

 A moderare il convegno, Elena Maria Rossi, Direttore Generale, Sviluppo Piemonte Turismo, Regione Piemonte.

Appuntamento per mercoledì 19 febbraio, presso la sede dell’Associazione Industriali di Novara di Corso Cavallotti, 25 Novara, dalle ore 16.15 alle ore 18.00. Il convegno è aperto a tutti.

Per informazioni e iscrizioni: Settore Turismo – Provincia di Novara  turismo@provincia.novara.it – tel. 0321 378 253