In due giorni ruba, spaccia ed evade dagli arresti domiciliari: arrestato dalla Polizia di Stato

Condividi sulla tua pagina social

Nel pomeriggio di lunedì 6 luglio, gli Agenti della Squadra Volante della Polizia di Stato di Novara venivano inviati dalla centrale operativa all’indirizzo dell’“Esselunga” di Corso Vercelli, in quanto era giunta una segnalazione per un tentato furto.

Due ragazzi, un cittadino albanese di 21 anni ed un cittadino italiano di 43 anni venivano infatti fermati dagli addetti del servizio di sorveglianza del supermercato, mentre cercavano di darsi alla fuga proprio dopo aver asportato delle bottiglie di vino di pregio, per un valore complessivo di circa 300euro e per i quali verranno poi indagati dalla Volante.

Sul posto gli Agenti della Squadra Volante hanno comunque proceduto alla perquisizione dei due e il più giovane è stato trovato in possesso di 8 dosi di cocaina (per un peso complessivo di oltre 10 grammi) debitamente occultate all’interno degli slip, poi sequestrate insieme a diverse banconote probabilmente provento dell’attività di spaccio.

Per lui è scattato subito l’arresto per spaccio di sostanze stupefacenti con la sottoposizione agli arresti domiciliari in attesa del giudizio direttissimo. Non pago, tuttavia, il ventunenne albanese subito dopo essere stato sottoposto agli arresti domiciliari, la sera del 6 è risultato, a seguito di un controllo dell’osservanza degli arresti domiciliari, in stato di evasione e  quindi arrestato nuovamente non appena rintracciato.

Contestati, quindi, sia lo spaccio di sostanze stupefacenti che l’evasione nel rito direttissimo: rito che ha portato all’adozione, da parte dell’A.G., della misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria tre volte al giorno.