Insegnante novarese, accusato di molestie sessuali, finisce dietro le sbarre

Condividi sulla tua pagina social
violenza sessuale togo novara

violenza sessuale togo novara

Mercoledì 18 dicembre scorso personale della Squadra Mobile della Questura di Novara ha dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di un insegnante residente in questa provincia, accusato di aver abusato sessualmente di due ragazze minorenni alle quali impartiva ripetizioni private di matematica.

In particolare l’attività investigativa era iniziata già lo scorso mese di agosto, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Novara, a seguito di una segnalazione da parte di un organo specializzato in abusi di un ente pubblico novarese.

Le indagini condotte dal personale della Questura di Novara hanno permesso di raccogliere importanti indizi di reità a carico dell’uomo, che in più occasioni, negli scorsi mesi, rimasto da solo con le proprie vittime presso la sua abitazione, aveva abbassato le tapparelle della stanza e, giovandosi dell’oscurità, aveva costretto le minori a subire gravi approcci di natura sessuale. Il comportamento dell’uomo è apparso subito di elevata gravità e pericolosità, poiché lo stesso ha posto in essere tali condotte nei confronti di ragazze che avevano riposto in lui particolare fiducia, e avvalendosi del fatto di essere insegnate e di aver ricoperto anche il ruolo di catechista.

La precisione e completezza delle indagini compiute hanno portato il GIP presso il Tribunale di Novara a emettere la massima misura cautelare della custodia in carcere, anche in virtù del fatto che l’indagato è attualmente professore supplente presso una scuola media di altra provincia.