Ispettori Assa al lavoro per combattere chi non rispetta le regole

Condividi sulla tua pagina social

abbandono in Via Dei WalserAnche negli ultimi giorni sono state elevate sanzioni nei confronti di cittadini che non rispettano le disposizioni dei regolamenti comunali

E’ stato inoltrato venerdì 24 gennaio, al Comando di Polizia Municipale di Novara il dodicesimo verbale degli ispettori ambientali Assa, entrati in attività negli ultimi tre mesi dopo uno specifico percorso attuato in collaborazione con il Comune di Novara.

Si tratta di un verbale di accertamento per un abbandono di rifiuti su suolo pubblico sotto un cestello stradale per la raccolta dei rifiuti da passeggio in Via Torelli angolo Via Taegio.

La situazione, che settimanalmente si presentava (come documentato dalle foto allegate), è stata monitorata per circa un mese dall’ispettore ambientale preposto, come altre situazioni in varie zone della città sono in fase di monitoraggio.

Giovedì 23 gennaio aprendo uno dei sacchetti sono stati trovati documenti ascrivibili a una utenza di Via Torelli.

Questo caso è emblematico di quanto accade troppo frequentemente. I cestini vengono svuotati regolarmente dagli operatori di Assa. E’ l’uso che spesso ne viene fatto dai cittadini  che è improprio.

Sempre nella giornata di venerdì un ispettore ecologico Assa è intervenuto in Via Dei Walser, quartiere Santa Rita, dove erano stati segnalati sacchi abbandonati. Dai controlli eseguiti non è stato possibile risalire agli autori dell’abbandono. E’ stata in ogni caso ripulita l’area.

«Intendiamo continuare e incrementare l’attività di controllo ed eventualmente sanzionatoria – spiega il Vice Presidente di Assa, Marcello Marzo, alla guida del CdA dell’azienda – per fare in modo che diminuiscano i comportamenti illegittimi che contribuiscono in modo fortemente impattante a degradare il decoro della città».

«Insieme alla azione sulla pulizia della città che in queste ultime settimane abbiamo reso particolarmente intensa – aggiunge il sindaco Andrea Ballarè – il tema della prevenzione e della sanzione di chi viola le regole e sporca la città è particolarmente importante. Stiamo cercando sempre più di dotarci degli strumenti adeguati per affrontarlo in modo efficace. E i primi risultati ci danno ragione».

Tra i dodici verbali ad oggi emessi dagli ispettori ambientali Assa vi sono state delle contestazioni ad utenze commerciali del centro storico per il mancato rispetto dell’ordinanza sulla raccolta differenziata (6), dei verbali ai detentori di cani che non avevano con sé il kit obbligatorio per la raccolta delle deiezioni canine (4), delle contestazioni per il mancato rispetto dell’ordinanza degli orari di esposizione dei rifiuti (2).

Parliamo in generale di sanzioni che vanno da minimo di 25 euro ad un massimo di 500 euro e che è il Comando di Polizia Municipale a comminare.