La Lega Nord Novara presenta una mozione in merito alla salvaguardia dei cartelli “Nuara”

Condividi sulla tua pagina social

Il Capogruppo Consiliare Lega Nord Mauro Franzinelli

SLAVGUARDIAMO IL DIALETTO NOVARESE – RIMETTIAMO I CARTELLI “NUARA”

foto - La Stampa

foto – La Stampa

Dopo l’infelice iniziativa del Sindaco Ballare’ che, unicamente per ripicca politica, ha lo scorso mese di ottobre rimosso i cartelli di Novara in dialetto (“NUARA”) la Lega Nord ha presentato una mozione che impegna l’amministrazione a riposizionare i cartelli.

Possono magari essere migliorati, studiati meglio, e soprattutto realizzati a costo zero. E’  però necessario volerlo e lavorare in tal senso.

Purtroppo il nostro timore, se non la certezza, è che il sindaco Ballare’ non solo non abbia a cuore le tradizioni e la cultura della nostra città, ma addirittura la denigri con iniziative spettacolari.

Novara è ricca di cultura, di scrittori e poeti che anche utilizzando il dialetto hanno dato un valore aggiunto alla città. Ad alcuni di loro, per esempio, sono state intitolate anche alcune sale della biblioteca cittadina.

Ma per il Sindaco tutto questo è poca cosa, anzi quasi fastidiosa.

La Lega Nord vuole contribuire da sempre alla valorizzazione degli usi, dei costumi e della cultura locale. In questo caso cerchiamo con la mozione di far correggere un errore, che non è solo la rimozione dei cartelli, ma è il tentativo di minimizzare un patrimonio di tanti novaresi.

La mozione è scritta anche in dialetto novarese e così faremo anche in futuro; vuole essere un ulteriore contributo, se pur piccolo, a far conoscere la nostra cultura e quella dei nostri padri che hanno costruito questa città e  ai quali dobbiamo essere riconoscenti.

MOZIONE

Premesso che:

–   la cultura locale è un patrimonio popolare fondamentale e come tale deve essere valorizzato;

–   le istituzioni devono approntare tutta una serie di iniziative atte a stimolare l’opinione pubblica a salvaguardare il proprio patrimonio culturale, le proprie tradizioni e la propria lingua, anche in conformità a quanto dettato dalla Risoluzione n. 192 del Consiglio d’Europa sulla tutela, la salvaguardia e la promozione delle culture e delle parlate locali;

–   i nostri territori hanno una profonda cultura determinata dai contributi delle varie entità locali, quindi degne, tutte, del massimo rispetto;

–   tra gli aspetti di maggior uso corrente vi è il toponimo del comune o della frazione di residenza;

–   in tutta Italia vi sono numerosi esempi di cartelli, che indicano la località, bilingui, sia in italiano che in lingua  locale;

–   anche al di fuori delle regioni a statuto speciale dove il bilinguismo è ufficializzato (Valleé d’Aoste-Valle d’Aosta, Süd Tirol-Alto Adige) numerosi comuni, con propria delibera, si sono concessi cartelli stradali bilingui;

–   la vigente legislazione non vieta quindi l’indicazione aggiuntiva sui cartelli riportanti la denominazione della località anche del toponimo originario in lingua o dialetto locale;

Considerato che :

–        il Sindaco Ballare’, lo scorso mese di ottobre, con enfasi sui “media” locali, si rendeva protagonista della rimozione dei cartelli in ingresso città che riportavano l’indicazione di Novara nel dialetto locale (“Nuara”), rilasciando dichiarazioni anche denigratorie verso l’utilizzo del dialetto e facendo capire che la rimozione avveniva per mera ripicca politica, nei confronti dell’amministrazione precedente;

–        la rimozione ha comportato spreco di tempo e di denaro pubblico;

–        i cartelli non simpatizzavano per nessun partito, ma solo alla Cultura locale, che è di TUTTI i Novaresi!

–        per contribuire, nelle nostre possibilità, alla salvaguardia del dialetto novarese, la Lega Nord presenterà da ora interrogazioni e mozioni correlate anche dalla traduzione in novarese;

Per quanto sopra espresso i sottoscritti Consiglieri comunali

 impegnano il Sindaco e la Giunta

–   a ripristinare i cartelli in ingresso città con la dicitura della città in dialetto novarese (NUARA), possibilmente utilizzando per la realizzazione sponsor locali in modo da contenere o abbattere i costi;

–   a farsi promotore di iniziative culturali che mantengano viva nella città la nostra cultura novarese, valorizzando il dialetto locale e gli scrittori e poeti novaresi che negli anni hanno contribuito all’arricchimento della cultura novarese e del suo dialetto;

–   a porre in essere collaborazioni con le associazioni novaresi che si occupano della salvaguardia delle tradizioni e del dialetto novarese, attualmente ben presenti sul nostro territorio.

I firmatari:

Mauro Franzinelli                                                                      Riccardo Lanzo

Alessandro Canelli                                                                    Federico Perugini