La Pro Loco di Novara risponde sul Bike Sharing

Condividi sulla tua pagina social

anna-colomboLa Proloco si ripropone per la gestione del bike sharing a prezzi dimezzati rispetto ad oggi. Servizio che da sempre  piace ai novaresi, ma anche ai numerosi pendolari che utilizzavano in passato, molto volentieri, le biciclette offerte dal Comune.

“Il servizio di bike-sharing, nato otto anni fa a seguito di un lungimirante progetto della giunta precedente – spiegaAnna Colombo, Pro Loco – fu gestito da subito dalla Pro Loco di Novara che, per un importo più che dimezzato rispetto a quanto erogato annualmente oggi dal Comune di Novara alla Sun, ne ha curato la parte manutentiva. Grazie a una fitta rete di volontari attivi anche sabato, domenica e festivi, il servizio ed i mezzi erano controllati giornalmente“. Non solo: la Pro Loco si occupava anche delle bici di colore verde, quelle cioè che venivano consegnate tutte le mattine ai pendolari in arrivo a Novara per recarsi in ufficio e riconsegnate alla sera prima di riprendere il treno. Mentre nel week end, le bici verdi venivano date, su richiesta, alle strutture alberghiere per agevolare i propri ospiti negli spostamenti a Novara e negli immediati dintorni, magari anche attarverso il progetto bici+treno.

“La Pro Loco di Novara è una associazione no-profit che si avvale di volontari e che è radicata profondamente nel tessuto cittadino e può quindi contare sull’appoggio dei propri soci. Per sgravare il Comune di Novara dalla problematica del “bike-sharing”, siamo ad offrirci, come peraltro già proposto alla giunta del Sindaco Ballarè appena insediata, di riprendere in mano noi la gestione del servizio sia nella parte manutentiva che gestionale alla cifra di 25mila euro annui“.

Una propista allettante per il Comune che ne beneficerebbe anche da un punto di vista economico: “Attualmente il Comune di Novara spende 57 mila euro all’anno, una cifra decisamente importante che per i 544 utenti del 2013 produce una spesa per utente di quasi 105 euro e in un momento di difficoltà economica generale, parte di questi quattrini possono essere spesi per sostenere tanti concittadini con piccoli aiuti; i nostri volontari (alcuni appassionati di corse ciclistiche ed esperti in questo settore) sarebbero felici di poter dare la loro disponibilità. I cittadini sarebbero sicuri di avere un servizio efficiente tutti i giorni, periodo di ferie compreso. Questa proposta win-win (accordo nel quale tutti vincono) sarebbe una valida collaborazione con il Comune che potrebbe garantire la continuità del servizio alla cittadinanza. Siamo certi che anche i novaresi sosterebbero con entusiasmo la scelta a nostro favore della Giunta“. E ora la parola alla giunta che, secondo noi, si trova con una soluzione pronta ed economica a portata di mano.