L’abolizione delle Province è legge: sì definitivo della Camera al ddl Delrio

Condividi sulla tua pagina social
TAGLI PROVINCE

TAGLI PROVINCE

Sì definitivo della Camera al ddl Delrio che abolisce le province. Il testo è stato approvato a Montecitorio con 260 sì, 158 no, 7 astenuti e un lungo applauso liberatorio.

“Non comprendo l’applauso della Camera – commenta il Presidente della Provincia di Novara, Diego Sozzani – quantomeno non lo comprendo oggi. Giusto ridurre il peso economico della politica. Giustissimo. Ma oggi hanno eliminato l’anello più debole, e quello che meno di ogni altro incide sui bilanci dello Stato. Applaudirò anch’io quando saranno altri stipendi ad esser ritoccati, altre poltrone ad esser ridotte o cancellate. Smettiamola di prenderci in giro. Il ridisegno serio delle istituzioni ormai non può più attendere. Lo chiede la gente che non ne può più di certa politica, che fatica ogni giorno, e lo chiede anche la politica, quelle delle persone che scelgono di mettersi in gioco perché credono ancora nelle istituzioni e nel loro ruolo per i territori, quella onesta che non vive di politica, ma che alla politica dedica tempo e passione.

E poi: le province abolite? Non certo ora, né domani, forse in un futuro non meglio precisato. Il ddl Del Rio ne ridisegna le competenze, ne fa ente di secondo grado, ma certo non le abolisce. E dunque, dove sta il grande risparmio che deriverebbe da questa fantomatica “abolizione”? Dai milletrecento consiglieri e assessori che da oggi non saranno più tali? E’ questo lo straordinario colpo di mano che salverebbe i conti del nostro Paese?”

“Bello sarebbe stato predisporre una riforma non già delle sole province, ma di tutti gli organi dello Stato, contestuale, ragionata. Una riforma sicuramente complessa, articolata ma in un quadro costituzionale che ridisegnasse in una logica contemporanea la struttura del Paese tutto: Comuni, Provincia, Regioni, Stato. Lì sarei stato il primo ad applaudire”