LAVORO: AD APRILE CRESCE RICHIESTA AMMORTIZZATORI, +25,3% CORTESE, METTERE AL CENTRO INVESTIMENTI E DIVERSA RIPARTIZIONE CARICHI FISCALI

Condividi sulla tua pagina social
Lavoro
Lavoro

Cresce ad aprile in Piemonte la richiesta di ammoritizzatori sociali. Lo rileva la Uil piemontese che evidenzia come nella regione la richiesta sia cresciuta del 25,3% rispetto ad una diminuzione, a livello nazionale del 13,3%. A fare la parte del leone Torino dove la richiesta e’ cresciuta del 72,4%. In particolare, le ore di cassa integrazione ordinaria, straordinaria e in deroga, autorizzate in Piemonte lo scorso mese ammontano a 12.274.353 , in calo del 13% per la cig, ma in crescita rispettivamente del 68,7% per la cigs e del +29,1 per quella in deroga. In crescita, di conseguenza, il numero dei potenziali cassaintegrati piemontesi che dai 57.611 di marzo salgono ad aprile a 72.202, con un incremento di 14.591 unita’. Per quanto riguarda le diverse province, la domanda di ammoritizzatori sociali delinea, rispetto al mese precedente, un andamento molto diversificato, con un aumento molto significativo nel capoluogo regionale, dove l’incremento e’ stato del 72,4%. Seguono Biella e Vercelli con incrementi rispettivamente del 35 e del 14,4%. In controtendenza, Asti -20,7%, Novara -21, 3%, Verbania -28,3%, Alessandria -33,6% e Cuneo -50,7%.