Lotta alla burocrazia, Ballarè: «facciamola insieme»

Condividi sulla tua pagina social

Il sindaco ha scritto a enti, associazioni, categorie per aprire un grande cantiere sulla semplificazione delle procedure

Andrea Ballarè - Sindaco di Novara

Andrea Ballarè – Sindaco di Novara

Guerra aperta – con le armi della partecipazione – alla burocrazia. L’ha dichiarata nei giorni scorsi il sindaco di Novara Andrea Ballarè.

Un tema che il sindaco ha avuto più volte occasione di affrontare. «La nostra amministrazione – ricorda Ballarè – ha aperto la propria attività, due anni e mezzo fa, proprio con due atti mirati alla semplificazione delle procedure: l’abolizione della commissione edilizia e l’avvio operativo dello Sportello Unico delle attività Produttive».

Ma la burocrazia si annida anche in molti altri snodi della pubblica amministrazione, ed è diventata, ricorda il sindaco, «per i Cittadini, le Imprese, le Associazioni, gli Enti stessi, un ostacolo impervio, dal quale dobbiamo assolutamente tentare di liberarci».

Ballarè quindi ha preso carta e penna ed ha scritto ad un lungo elenco di interlocutori: le associazioni di categoria, gli Ordini professionali, ma anche gli uffici locali delle amministrazioni dello Stato, le associazioni, anche la Diocesi. Obiettivo: aprire insieme un percorso che punti a individuare e ridurre il più possibile gli ostacoli burocratici nei processi amministrativi che riguardano il Comune.

«Ogni giorno – scrive il sindaco –  la mia volontà di realizzare  progetti e iniziative per mantenere ed aumentare la qualità della vita nella nostra città si scontra, oltre che con risorse sempre più scarse, anche con regole assurde in genere create da chi non le ha mai applicate e, quel che è più grave, neppure in grado di raggiungere gli obiettivi teorici per le quali sarebbero nate.          Naturalmente – aggiunge –  questo non significa non avere delle regole (fondamentali per una convivenza civile), ma semplicemente avere regole certe, semplici, efficaci».

Ed ecco la proposta concreta:  «Ognuno di Voi – mette nero su bianco Ballarè –  potrebbe individuare, nel proprio ambito settoriale, le procedure, i percorsi, gli iter che vengono affrontati dai Vostri iscritti per poter lavorare, descrivendoli ed inquadrandoli anche in un asse temporale, per vedere insieme se tutti i passaggi ed i tempi che vengono richiesti sono proprio indispensabili o se l’Amministrazione comunale ha la possibilità di semplificarli e abbreviarli».

Scovare le “trappole” della burocrazia e cercare, insieme, di eliminarle.

«Credo – commenta il sindaco –  che questo modus operandi possa portarci in modo concreto ad affrontare il tema semplificazione, insieme e sulle questioni che ci interessano nel nostro lavoro e nella vita di tutti i giorni».

«Il cantiere è aperto – conclude Ballarè – e ci aspettiamo da tutti gli interlocutori una risposta concreta. Siamo certi che la città ne avrà un notevole beneficio»