Lotta per la vita, in rianimazione, il 23enne precipitato dal tetto su cui lavorava.

Condividi sulla tua pagina social

dal Corriere di Novara

«Siamo tutti con Samuele»: l’angoscia della famiglia e del Caltignaga Calcio

Novara – È sempre critica la situazione di Pasquale Samuele Gozzo, il giovane di 23 anni, di Bellinzago, rimasto gravemente ferito nell’incidente sul lavoro verificatosi giovedì 3 giugno a Bellinzago mentre lavorava in una cava di via Cameri. «Non lo lasciamo solo neppure per un attimo, deve riprendersi. Ha tutta la vita da vivere». Si riassume così, con parole di grande speranza il pensiero dei tanti amici e parenti che da giovedì stazionano davanti alla Rianimazione dell’ospedale “Maggiore” di Novara dove il giovane è ricoverato dopo l’incidente. Intorno alle 12 di giovedì il giovane stava lavorando sul tetto di un capannone per un intervento di manutenzione quando ha appoggiato un piede su un lucernaio che ha ceduto sotto il suo peso facendolo precipitare da oltre 5 metri. Immediati i soccorsi da parte dei colleghi che hanno assistito all’incidente e che hanno provveduto a chiamare il 118, intervenuto con l’eliambulanza, vista la gravità della situazione. Sul posto si sono recati anche i tecnici dello Spresal per i rilievi del caso.