Multe nella nuova ZTL: “si restituisca quanto pagato per errori non voluti”, l’interrogazione presentata dalla Lega

Condividi sulla tua pagina social
Alessandro Canelli - Lega Nord

Alessandro Canelli – Lega Nord

Constatiamo la deprecabile situazione che si sta verificando in questi giorni, a seguito delle contravvenzioni che stanno arrivando a migliaia per le telecamere installate recentemente in Corso Mazzini, dove è stato spostato di qualche decina di metri l’inizio della ZTL.

Centinaia di cittadini si stanno rivolgendo al Comune, al comando di Polizia Municipale e agli organi di stampa perché si sentono ingannati da una segnalazione stradale a dir poco lacunosa.

Il cartello di prescrizione installato in Via Solaroli non è affatto visibile, se non da circa 30 metri di distanza; la segnaletica orizzontale è altrettanto poco chiara, in quanto si tratta semplicemente di una scritta “ZTL” sulla corsia di sinistra, senza ulteriori indicazioni di divieto, creando nell’automobilista la convinzione che si indichi la ZTL che già esisteva prima delle variazioni.

Ci troviamo di fronte ad un esempio negativo del comportamento di un ente pubblico, in questo caso, tanto per cambiare, del Comune di Novara, che invece di stilare norme a tutela del cittadino, riesce a creare confusione, pasticci e relativo caos.

Un errore clamoroso, l’ennesimo dell’amministrazione Ballare’, che mette in cattiva luce ancora una volta il Comune. Un danno di immagine incredibile.

Ma il danno maggiore lo stanno subendo i tanti cittadini che, proprio nei giorni natalizi, hanno ricevuto questi verbali, molti dei quali, ignari e in buona fede, stanno pagando magari quanto in realtà non è dovuto. E lo fanno in un momento di crisi che tocca tante famiglie e che rende tutto più difficile.

Questo ampliamento della ZTL è nato malissimo. Come già da noi vigorosamente sottolineato più di un anno fa, ha creato un forte aumento di inquinamento in Via Perrone, proprio davanti all’ingresso della scuola materna, dove spesso vi sono code ferme di automobili. E’ sorto una specie di imbuto per chi transita in bicicletta, pericolosissimo se contemporaneamente vi è un autobus. Ora si è voluto in modo testardo procedere anche con le sanzioni di chi percorre quegli sciagurati 50 metri di corso Mazzini.

Stupisce, in tutta questa vicenda, la mancanza di professionalità di chi, all’interno della Giunta, non ha saputo cogliere la criticità di tutta la vicenda, controllando e verificando la situazione e correggendo gli errori.

A tutto ciò aggiungiamo il possibile danno per le casse pubbliche comunali, per i futuri e prevedibili ricorsi di chi ha pagato somme ritenute non dovute.

Aspettiamo, ma siamo alquanto dubbiosi, che il Sindaco e l’assessore Rigotti chiedano scusa ai Novaresi, riconoscano il pasticcio che hanno causato, e con un atto di buon senso provvedano, in modo cautelativo, al veloce rimborso delle somme pagate dai cittadini. Che la superbia di Ballare’ lasci spazio almeno una volta al buon senso.

Il Gruppo Lega Nord ha presentato in merito un’interrogazione urgente.

Novara, 14.01.2014

Gruppo Consiliare Lega Nord – Comune di Novara

Franzinelli – Canelli – Perugini – Lanzo

INTERROGAZIONE

Novara, 15 Gennaio 2014

Oggetto:          Sanzioni per ingresso in ZTL

I sottoscritti consiglieri comunali,

premesso che

–                   Il 19 Agosto 2013 sono state spostate le telecamere di controllo per la ZTL da Piazza Gramsci a Corso Mazzini a seguito dell’ampliamento della zona a traffico limitato;

–                   la Polizia Municipale comunicava che dall’attivazione di queste telecamere fino al 30 Settembre sono state erogate 2.629 contravvenzioni;

–                   dell’argomento si sono interessati i giornali locali, prospettando anche una eventuale “class

action” da parte degli automobilisti sanzionati;

–                   la segnaletica verticale di divieto e di segnalazione della ZTL è posizionata in Via Solaroli, su un solo lato della strada, ed è costituita da un cartello di piccole dimensioni non ben visibile;

–                   la segnaletica orizzontale è altrettanto poco chiara, in quanto si tratta semplicemente di una scritta “ZTL” sulla corsia di sinistra, senza ulteriori indicazioni di divieto, creando nell’automobilista la convinzione che si indichi a sinistra la ZTL che già esisteva prima delle variazioni;

considerato che

–        è evidente che un numero così consistente di contravvenzioni è dovuto alla mancata chiarezza delle segnalazioni, che sono fraintese nel significato o addirittura non viste;

–        l’art 79 del Regolamento di esecuzione del Codice delle Strada riporta che lo spazio di avvistamento per i segnali di prescrizione su strade cittadine sia di 80 metri: il cartello di prescrizione installato in Via Solaroli non è affatto visibile, se non da circa 30 metri di distanza;

–        sarebbe stato opportuno che la segnaletica orizzontale riportasse, possibilmente in colore ben visibile e diverso da quelli di normale utilizzo, che la svolta a sinistra è solo per coloro che sono autorizzati (per esempio, come fatto in altre città, riportando un segnale di divieto di accesso sul fondo stradale);

–     è altresì evidente che, come traspare negli articoli di stampa, si preannunciano ricorsi da parte di cittadini singoli e di gruppi organizzati, che si ritengono, giustamente, ingannati dalla segnalazione lacunosa; è altresì richiamabile l’art.3 della legge n.689 del 24 Novembre 2011 che, a riguardo di chi commette un’infrazione, dice Nelle violazioni cui e’ applicabile una sanzione amministrativa, nel caso in cui la violazione e’ commessa per errore, non e’ responsabile quando l’errore non e’ determinato da sua colpa.”

interrogano il Sindaco per conoscere quanto segue:

–        Visto la situazione che si è creata, ancora una volta dovuta alla superficialità di questa amministrazione, è intenzione del Sindaco riconoscere l’errore e farsi carico di un’azione di rimborso delle somme già pagate per l’infrazione in questione, e dell’esenzione delle sanzioni ancora da pagare?

–        E’ intenzione di questa amministrazione cambiare e modificare la segnaletica, sia verticale che orizzontale, al fine di non indurre in errore gli automobilisti? Se così è, quando verrà modificata la segnaletica?

Della presente si richiede anche risposta scritta nei termini di regolamento.

I firmatari:

Mauro Franzinelli                                                       Alessandro Canelli

Riccardo Lanzo                                                          Federico Perugini

Al Signor                                                                               E p c.   Al Signor Presidente

Sindaco                                                                                  del Consiglio Comunale

del Comune di Novara                                                         di Novara

Dr. Andrea Ballarè                                                                 Massimo Bosio

                                                                                       Loro Sedi