Nessun allarme-topi alla scuola di Sant’Agabio, Ballarè: “strumentalizzazioni inutili”

Condividi sulla tua pagina social

La situazione è sotto controllo e sono già stati ripetuti gli interventi di derattizzazione

piazzamartirinovara06luglio2012

piazzamartirinovara06luglio2012

Non c’è nessun pericolo-topi alla scuola primaria “Rigutini” di S.Agabio. Lo hanno constatato di persona questa mattina il sindaco di Novara Andrea Ballarè e l’assessore all’istruzione Margherita Patti, che hanno effettuato un sopralluogo nella scuola del popoloso rione, dove un piccolo gruppo di genitori – peraltro una minoranza rispetto al totale –  ha manifestato calorosamente la propria preoccupazione per la presenza dei roditori chiedendo addirittura la chiusura della scuola.

Accompagnati dalla dirigente scolastica Clara Cregno, con il comandante della Polizia Locale, Paolo Cortese e i tecnici dell’Asl il sindaco e l’assessore hanno potuto constatare direttamente la situazione.

«La derattizzazione – spiega l’assessore Patti – viene svolta con regolarità in tutte le scuole della città. Esiste un apposito capitolo nel bilancio del Comune. Nulla di scandaloso o di preoccupante: nel contesto urbano i topi sono presenti, e bisogna periodicamente intervenire per eliminarli dagli edifici pubblici. Quando ci sono segnalazioni di situazioni particolari, si interviene ad hoc, anche fuori dalla normale calendarizzazione. In particolare alla Rigutini nei primi tre mesi di scuola sono state effettuati tre interventi».

«Dal 26 di marzo, data dell’ultima segnalazione – conferma l’assessore –  i tecnici sono intervenuti ogni giorno. Sabato scorso (29 marzo) sono state collocate a scuole le esche – trappola, che stanno evidentemente funzionando, perché i topi circolano di giorno solo sotto l’effetto del veleno delle esche, che alla fine completa il suo effetto letale. Nel prossimo week end sarà fatto un ulteriore intervento massiccio».

Il problema quindi è in via di risoluzione.

«Ho incontrato – commenta il sindaco Andrea Ballarè – i genitori che volevano avere informazioni precise. Le hanno avute, non solo da noi ma anche dai funzionari dell’Asl. Capisco molto bene le preoccupazioni, ma credo anche che i genitori abbiano compreso come il Comune e la scuola stiano facendo tutto quanto andava fatto. Trovo invece piuttosto triste il tentativo di strumentalizzazione messo in atto da alcuni esponenti della minoranza del consiglio comunale. Polemiche inutili, che rischiano anche di mettere in cattiva luce il grande lavoro che la scuola di S.Agabio, come tutte le scuole “di frontiera” realizza ogni giorno».