New York: trovato scafo di 10 metri, "E' un reperto del diciottesimo secolo"

Condividi sulla tua pagina social

Gli operai che lavorano a Ground Zero hanno scoperto ieri mattina uno scafo di 10 metri che gli studiosi pensano risalga al 18° secolo, e che è stato rintracciato nel terreno usato per estendere Downtown entro l’Hudson River. Le operazioni del recupero di ciò che resta del natante sono molto delicate, ha detto l’archeologa Molly McDonald: “Lo stiamo praticamente ripulendolo a mano perchè è molto fragile”. Per l’estrazione saranno poi utilizzati i mezzi meccanici del cantiere.

McDonald e il suo collega Michael Pappalardo si trovavano sul posto martedì mattina, quando è stato fatto il ritrovamento. “Abbiamo notato dei legni ricurvi che una escavatrice aveva portato in superficie”, ha raccontato McDonald. “Subito dopo abbiamo trovato le coste di un vascello ed abbiamo continuato a ripulirle e a portarlo alla luce per due giorni di fila”.

I due archeologi lavorano per AKRF, una azienda assunta per documentare gli artefatti che emergono sotto terra durante gli scavi per la ricostruzione della Freedom Tower. Secondo i due studiosi il reperimento è significativo, ma hanno aggiunto che ci vorrà del tempo prima di attribuire con certezza la vecchiaia dello scafo. “Ora alcuni campioni dei legni recuperati saranno mandati nel laboratorio per stabilire la dendrologia che ci aiuterà ad avere una risposta alla domanda sul tempo di costruzione”, ha spiegato McDonald. La dendrocronologia è la scienza che determina le date di un reperto secondo l’ordine cronologico. Gli archeologi sono in corsa contro il tempo nel raccogliere i dati e nell’analizzarli perchè il legno delicato, ora esposto all’aria, inizia a deteriorarsi. Un’ancora da 45 chili è stata trovata mercoledì a pochi metri dalla carcassa della nave ma non è sicuro che le appartenga.