Niente riammissione in serie B per il Novara Calcio

Condividi sulla tua pagina social

by Simone Balocco

calcio

calcio

Nonostante la giornata soleggiata di un bel cielo d’agosto, la Novara calcistica oggi pomeriggio è stata colpita da un fulmine a ciel sereno: la squadra presieduta da Massimo de Salvo non potrà essere riammessa al prossimo campionato di serie B.

Nonostante due settimane fa il ricorso per l’ammissione del Novara Calcio in serie B al posto del Siena fallito sia stato accolto dal Collegio di Garanzia del CONI, che si sia espresso in favore di una B a 22 squadre e non a 21, aveva fatto gioire i tifosi azzurri. Oggi la mazzata.

Il ricorso del Novara, “promosso” due settimane fa dal CONI, è stato bocciato dalla Federcalcio in base al “comunicato ufficiale 171/A” che stabilisce che per essere ammessa come ventiduesima squadra non bisogna aver avuto penalizzazioni nelle stagioni calcistiche 2012/2013 e 2013/2014.

Il primo Consiglio federale dell’era Tavecchio ha stabilito invece che le squadre che hanno subito una penalizzazione per illecito sportivo a partire dalla stagione calcistica 2012/2013 in poi non avrebbero beneficiato della riammissione: il Novara in quella stagione subì una penalizzazione iniziale di 6 punti a causa del caso “calcio scommesse”, campionato poi concluso con un -3. Doccia gelata per il Novara, ma anche per la Reggina e il Lecce, le altre due squadre che hanno avuto in queste ultime due stagioni alcune penalizzazioni per illecito sportivo.

Perché anche Reggina e Lecce?“, dirà qualcuno? Eh si perché negli ultimi dieci giorni oltre al Novara hanno presentato domanda di riammissione in serie B anche squadre che, tecnicamente, non ne avevano diritto: JuveStabia, Reggina, Matera, Catanzaro, Cosenza e Lecce. Il Novara sarebbe dovuto essere riammesso in quanto era la prima “ripescabile” essendo la prima retrocessa. Una regola logica, come era sempre successo negli anni precedenti. Ma oggi il Consiglio federale non ha continuato la tradizione e ha bocciato il ricorso degli azzurri. La società del Presidente de Salvo è stata però l’unica a presentare la domanda di riammissione nei tempi utili previsti, ovvero il 28 luglio. Quindi in base a ciò, sarebbe stata di diritto la società che avrebbe dovuto colmare la casella lasciata vuota dal Siena, fallito.

La ventiduesima squadra che partirà dai nastri di partenza della nuova serie B verrà “fuori” entro lunedì prossimo, 25 agosto, a 6 giorni scarsi dall’inizio della stagione che inizierà, per tutti e tre i campionati professionistici, domenica 31 agosto. E pensare che questa storia è iniziata il 18 luglio scorso e a distanza di un mese esatto ancora non si sa chi verrà ripescata.

Tutti i tifosi del Novara si sono sentiti “presi in giro” perché il discorso dell’illecito sportivo sembra una “scusante” per punire la società. Anche perché a poter usufruire della riammissione potrebbe essere la JuveStabia, classificatasi ultima nello scorso campionato, che ha avuto una penalizzazione di 4 punti nella stagione 2011/2012, quella precedente.

Il Novara ha ora due giorni per presentare un ulteriore ricorso al Consiglio di Garanzia in funzione dell’Alta Corte, ma il verdetto di oggi sembra condannare gli azzurri al prossimo campionato di Lega Pro. Ovviamente come il Novara, anche le altre società danneggiate possono fare lo stesso ricorso.

Tornando al calcio giocato (quello che piace però di più agli amanti del calcio), ieri sera il Novara si è arreso solo ai calci di rigori contro il Latina nel secondo turno della Tim Cup. Nei 90′ regolamentari il punteggio si era chiuso sul 1 a 1, con il vantaggio pontino di Pettinari (neo acquisto estivo dal Crotone via Roma, che detiene il cartellino) e pareggio novarese al 77′ con Simone Corazza. Il pareggio ha “ringalluzzito” gli azzurri di Mimmo Toscano che fino alla fine della partita hanno cercato il gol della vittoria. Anche i successivi trenta minuti supplementari hanno lasciato il punteggio invariato e di conseguenza calci di rigore: per il Novara hanno sbagliato Pablo Gonzalez (parato) e Gustavo (altro sopra la traversa), mentre per i padroni di casa ha sbagliato Valiani. Per il Latina hanno segnato Viviani, Petagna, Pettinari e Cottafava, mentre per gli azzurri Corazza, Faragò e Garufo. Latina avanti e domenica nel 3° turno incontrerà il Brescia, che solo al 93′ ha avuto la meglio sulla Pro Vercelli con un rigore siglato da Andrea Caracciolo (doppietta per lui).

Curiosità del match del “Francioni”: capitano del Novara è stato Simone Pesce, nativo di Latina dove ha iniziato a giocare da professionista, ed acclamato dai tifosi locali alla sua uscita del campo.