No alla "terza pista" di Milano Malpensa. La petizione dilaga..

Condividi sulla tua pagina social

Siamo a quota 1.200. Giro di boa per la raccolta firme organizzata dal Comitato Ovest Ticino (Covest) contro il potenziamento di Malpensa. Dopo aver toccato i mercati di diversi Comuni del Novarese, il battesimo delle feste dei paesi dell’Ovest Ticino ha messo le ali alla raccolta firme fino a superare la soglia del migliaio di “no alla Terza Pista”. Cresce, secondo l’osservatorio diretto del Covest, l’attenzione pubblica al tema delle nuove rotte e delle problematiche relative a Malpensa: speranze, ansie, rabbia si sono via via riversati intorno al gazebo nelle ultime feste, a Varallo Pop e a Marano Ticino. Appuntamenti che svegliano le piazze, richiamano giovani e anziani e accendono l’attenzione sui problemi comuni ai cittadini. Così, in un clima di grande serenità, il Covest è riuscito a essere parte della festa pur con il fardello pesante delle brutte notizie che deve portare: Malpensa non ci ha arricchiti e non ci arricchirà, e mentre qualcuno lontano farà grandi affari con il potenziamento, noi, di qua dal Ticino, riceveremo solo tutto l’inquinamento e il rumore. Gli abitanti di Marano lo sanno bene perché da anni convivono con il grande bluff dello sviluppo aeroportuale che non ha portato occupazione ma problemi e disturbo. Da qui, la buona accoglienza riservata ai volontari Covest impegnati a fornire notizie, statistiche, rilevazioni sul vero effetto-Malpensa. In una manciata d’ore, sono state raccolte 250 firme. Merito anche del Sindaco Franco Merli che si è fatto promotore della campagna di informazione e ha condiviso il tema della tutela delle popolazioni e del patrimonio ambientale da uno sviluppo insostenibile dell’aeroporto lombardo. Si fa invece più assordante in questi giorni il silenzio di alcuni Sindaci e del Coordinamento degli Enti Locali con i suoi 24 Sindaci novaresi, il Parco del Ticino e la Provincia di Novara, di cui anche il Covest fa parte. Forse bisognerà scomodare la troupe di “Chi l’ha visto?” per scoprire che fine hanno fatto e perché non arrivi alcuna convocazione mentre il piano della Terza pista compie decisi passi avanti. Tuttavia il Covest continua a fare la sua parte per dare supporto alla voce dei cittadini: dal 23 luglio sarà a Borgomanero per la festa patronale nella frazione di Santa Cristina, il giorno dopo a Mezzomerico alla festa del paese e nel pomeriggio di domenica 25 luglio alla Festa dell’Unità di Castelletto Ticino.