Novara: arrestata dalla Volante della Polizia di Stato borseggiatrice seriale

Condividi sulla tua pagina social

È stato un abile furto con destrezza quello perpetrato la scorsa settimana da una donna novarese di 43 anni immediatamente scoperta e tratta in arresto dalla Volante della Polizia di Stato. Le immagini, riprese dal circuito interno del supermercato, fotografano bene la scena: due donne discutono tranquillamente sedute su una panchina avendo accanto a sé le proprie borse; si avvicina una donna che, dopo essersi seduta a fianco delle donne, si allunga verso i borselli delle vittime. Pochi attimi perché scompaiano sia la borsa nera di una delle due interlocutrici che l’abile ladra. Nel frame successivo, infatti, non vi è più traccia né della ladra né della refurtiva, la borsa della vittima. La prontezza di spirito della vittima, delle guardie private giurate del centro commerciale e della Volante della Polizia di Stato, immediatamente intervenuta sul posto consentiva, dopo un rapido controllo delle immagini, di bloccare la malvivente e di restituire alla vittima il proprio borsello. La perquisizione presso il domicilio dell’arrestata, non nuova a simili imprese, ha portato al rinvenimento di numerosi telefoni cellulari, ben 11, tutti privi di sim, che l’arrestata confermava essere, per la maggior parte, provento di precedenti borseggi. Numerose anche le fotocamere digitali trovate ed una cospicua somma di denaro contante, circa 1.000 euro, presumibilmente provento di precedenti furti. La donna, una quarantenne novarese, è stata arrestata per furto aggravato e, considerata la refurtiva trovata nell’appartamento, denunciata per ricettazione.