NOVARA – OPERAZIONE RICETTAZIONE

Condividi sulla tua pagina social
Ricettazione

Ricettazione

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Novara nei giorni scorsi, a conclusione di una lunga attività di indagine, sono riusciti a colpire duramente un gruppo di nomadi, residenti in città, dedito alla ricettazione di gioielli, quadri e orologi rubati. L’operazione è il frutto delle ampie conoscenze nel campo della ricettazione di beni di alta gioielleria e orologeria, maturata da questo Comando da tempo impegnato, con notevoli risultati, in questo versante, infatti l’operazione “Ore liete” è la naturale continuazione delle precedenti indagini “Oro colato” e “Oro colato 2”, in cui venivano colpiti gruppi di ricettatori, attivi tra la Provincia di Novara e quella di Milano, destinatari di molta della “merce preziosa” rubata in nel Nord Italia e all’estero. Ad essere sottoposti a fermo per ricettazione in concorso, sono i rom di etnia polacca A.P., quarantottenne, S.P., trentaduenne, e la loro madre S.P., sessantaseienne. A loro vanno aggiunti altri quattro nomadi, sempre di origine polacca, denunciati per il medesimo reato e da tempo noti alle Forze dell’Ordine. I beni recuperati sono un vero e proprio “tesoro”, con una stima provvisoria, del valore superiore al milione e mezzo di Euro, composto da gioielli in oro, pietre preziose, orologi, argenteria e quadri di varie epoche. Quanto recuperato si trovava all’interno delle abitazioni dei rom: i quadri e l’argenteria disseminati in bella vista, mentre preziosi ed orologi erano abilmente nascosti all’interno dei sanitari o in incavi appositamente ricavati.