Novara: tutte le info sul Mercato Coperto

Condividi sulla tua pagina social

Piantina <—- scarica sul tuo pc

131028_vista bagni da via marconiQuesti sono gli spazi spazi che ospiteranno temporaneamente il mercato del generi vari (nelle giornate di lunedì – giovedì – sabato) ed il mercato dei produttori agricoli (nelle giornate da lunedì a sabato)

  • Ø settore generi vari nelle giornate di lunedì – giovedì – sabato: aree ubicate nei tratti di viale Donatori di Sangue, contro viale di via XX Settembre (lato Poste Centrali), largo costituente, via Cimabue, viale Curotti;
  • Ø produttori agricoli nelle giornate da lunedì a sabato: aree ubicate in  viale Donatori di Sangue (angolo viale 4 novembre)

vista interna_superataGli operatori dovranno seguire i seguenti orari per lo svolgimento del mercato presso le aree esterne
Ø attività di vendita dalle ore 07.00 alle ore13.00

  • Ø allestimento postazioni di vendita da parte di operatori titolari di concessione di posteggio: dalle ore 06.00 alle ore 07.30
  • Ø assegnazione giornaliera di posteggi disponibili (c.d “spunta”): dalle ore 07.30 alle ore 08.00; oltre tale termine non è più consentita alcuna assegnazione/collocazione presso l’area mercatale esterna;
  • Ø operazioni di smontaggio postazione di vendita, pulizia del posteggio assegnato da parte dell’operatore titolare dello stesso e rimozione di qualsiasi mezzo/attrezzatura/materiale: dalle ore 13.00 ed entro il termine massimo delle ore 14.00.

STATO ATTUALE

131028_serramenti nuovi e crociereLa costruzione adibita a mercato coperto versa in uno stato di conservazione e d’uso precario e in cattivo stato di manutenzione; degli otto padiglioni i primi tre sono destinati alla vendita di generi alimentari e sono divisi da un percorso all’aperto dai rimanenti cinque padiglioni, destinati alla vendita di generi ortofrutticoli e vari.

Il motivo architettonico caratteristico del complesso è determinato sia dal fronte a semicerchio dei padiglioni, sia dalla copertura, realizzata con otto file di archi paralleli ad iperbole regolare.

Gli spazi di vendita interni sono ad una quota di circa + 60 cm. rispetto a viale Dante mentre, sul retro, la via Marconi è ad una quota decisamente più bassa; tale dislivello consente l’apertura agli spazi seminterrati della struttura, accessibili solo da questo lato.

Le cattive condizioni manutentive sono state approfondite in uno studio conoscitivo del manufatto, che ha evidenziato la necessità di avviare un’attenta analisi diagnostica dello stato di conservazione e tensione delle strutture prima di procedere alla predisposizione del richiesto progetto architettonico di ristrutturazione generale del Mercato Coperto.

Analisi che si è concretizzata con Delibera di G.C. n°1090 del 26 giugno 1995, con la quale è stato affidato specifico incarico all’Ing. Alberto Tricarico di Novara per i cinque padiglioni dei reparti ortofrutticolo e generi vari, in quanto i tre altri padiglioni dei generi alimentari già erano stati oggetto di consolidamento a seguito di un incendio avvenuto nei primi anni ’90, e che si è concretizzato con l’acquisizione della certificazione di idoneità statica.

Il professionista esterno incaricato, dopo rilievo preliminare a riscontro di documentazione reperita, esaminata l’impostazione generale della progettazione strutturale e degli schemi di calcolo, ha ricostruito il modello matematico per la verifica strutturale con in metodo agli elementi finiti, effettuando inoltre verifiche sperimentali statiche e dinamiche nonché prove distruttive e non distruttive sui materiali, comprensive di indagini e di prove su tutti gli elementi strutturali del piano terra e del piano rialzato. Dai risultati delle verifiche statiche così ottenute, sono emerse problematiche strutturali complesse e variamente diversificate in considerazione delle quali nel 1997 l’Amministrazione Comunale, dopo apposito bando di gara, ha affidato a due professionisti esterni, l’Ing. Alberto Tricarico e l’Ing. Giancarlo Ferrera, l’incarico del progetto di consolidamento statico strutturale dell’intero complesso.

Il relativo progetto preliminare di recupero conservativo ed adeguamento strutturale dei cinque padiglioni del reparto ortofrutta e generi vari è stato approvato con deliberazione G.C. n°902 del 20/12/2001.

Pertanto, considerate le serie problematiche statiche evidenziate a seguito della suddetta analisi strutturale, è stato modificato ed esteso ai medesimi professionisti esterni l’incarico relativo alla progettazione di consolidamento strutturale dell’intero complesso mercatale, comprensivo di tutti gli otto padiglioni di vendita.

Oltre alle problematiche relative agli adeguamenti strutturali, la copertura in eternit presenta numerose lastre danneggiate, i serramenti esterni necessitano di una profonda revisione e sostituzione, i pavimenti presentano diffuse irregolarità, la parte impiantistica è completamente da rivedere, ed inoltre mancano altri accorgimenti specifici per rendere la struttura adeguata alle normative vigenti.

LAVORI PREVISTI

 allestimento area di cantiere e formazione di ponteggi esterni compreso piani di lavoro, protezioni e ogni altro onere occorrente ed allestimento di cantiere comprendente la collocazione di una unità di decontaminazione oltre a tutto quanto richiesto dalla legislazione vigente in materia

 interventi di consolidamento strutturale, che sinteticamente prevedono la realizzazione di micropali a consolidamento delle fondazioni, irrigidimenti dei pilastri del piano seminterrato e del solaio di vendita al piano terra, e la realizzazione di nuovi arconi metallici nei padiglioni in “affiancamento” a quelli esistenti.;

 completa rimozione e smaltimento in discarica autorizzata del vecchio manto di copertura in eternit, attualmente in pessime condizioni manutentive, compreso il trasporto, lo smaltimento dei materiali alle discariche autorizzate e ogni onere relativo alle varie autorizzazioni ed analisi presso gli enti ed istituti competenti, il tutto secondo le prescrizioni vigenti e pulizia;

 realizzazione di nuovo manto di copertura previa posa di idoneo strato isolante, sostituzione dei listelli e nuovo manto di copertura in lastre di alluminio centinate;

 completa verifica delle guaine di copertura presenti sulle parti piane ed eventuale rimozione con smaltimento in discarica autorizzata e successivo completo rifacimento delle guaine;

 verifica ed eventuale rimozione delle lattonerie esistenti compresa pulizia canali, converse ecc. ed eventuale rettifica e/o sistemazione e fornitura e posa in opera di lattoneria e realizzazione allacciamento fognario acque bianche

 realizzazione di nuova pavimentazione del piano di vendita in materiale lavabile ad alta resistenza al calpestio. Nei reparti alimentari ed ortofrutta saranno rivestite anche le pareti perimetrali dei singoli punti vendita come richiesto dalla normativa vigente

 realizzazione di nuovi paramenti murari a chiusura degli spazi di vendita e specifici adattamenti in corrispondenza dei nuovi arconi di consolidamento

 sostituzione dei serramenti esistenti, in profili metallici e non più originali, con nuovi serramenti a profilo arrotondato antinfortunistico e vetrate laminate anch’esse antinfortunistiche nuovi serramenti a completamento superfici finestrate mancanti, lato piazzali.. La nuova sistemazione restituirà il disegno originale delle facciate, desunto dalle foto d’epoca;

 realizzazione di nuova scala di sicurezza su via Marconi;

 smantellamento dell’impianto elettrico esistente e realizzazione del nuovo impianto elettrico generale e dei vari punti vendita, comprensivo di relativo impianto di messa a terra e con completa sostituzione dei corpi illuminanti dei padiglioni.

 realizzazione nuovo impianto antincendio;

 realizzazione di linee di erogazione acqua potabile e dei relativi scarichi per i punti di vendita alimentari e ulteriori punti di erogazione per ortofrutta, comprensive delle relative opere edili, con verifica e revisione complessiva degli allacciamenti fognari acque nere;

 realizzazione di servizi igienici a norma, distinti per sesso ed utilizzabili anche da persone portatrici di handicap (localizzati nel piano seminterrato). Per permettere l’accesso ai disabili è prevista l’installazione di piattaforma elevatrice;

 verifica e ripristino dell’intonaco all’interno della struttura ed all’intradosso degli arconi e delle volte;

 tinteggiatura all’interno della struttura ed all’intradosso degli arconi e delle volte.

Sistemazioni esterne

AREE IN PORFIDO

Il totale delle aree in porfido è di 1790 mq; l’intervento prevede la rimozione delle placcature in asfalto, il ripristino del pavimento in porfido che comprende la rimozione dei cubetti sconnessi, la rettifica del piano di posa, la ricollocazione in opera, la bagnatura ed intasamento dei giunti, la pulizia con raccolta ed allontanamento dei detriti, trasporti, sbarramenti e segnaletica.

PISTA CICLABILE

La manutenzione della pista ciclabile, rilevato il buono stato della pavimentazione in asfalto, riguarda la segnaletica orizzontale: esecuzione e ripasso di strisce, frecce direzionali, aree colorate, simbologia; pista di lunghezza 150 mt, larghezza media 2 mt.

CORTILI

Nell’ultimo cortile è prevista, anche se ancora definire in dettaglio, il centro per la raccolta differenziata dei rifiuti: tale destinazione prevede pavimentazioni carrabili e facilmente manutenibili soprattutto per l’apetto igienico. In conformità alle prescrizioni Asl i due cortili di ingresso su viale Dante sono proposti sistemati in cemento: il ripristino prevede la scarificazione con fresatura per la regolarizzazione del piano, trasporto alle discariche autorizzate del materiale di risulta, fornitura e stesa dello strato di fondazione con materiale arido di cava, getto di massetto in calcestruzzo da cm.15 e successivo strato di usura in granulato sferoidale di quarzo e ossidi colorati .

VIA MORERA

La via pedonale di collegamento tra via Marconi e viale Dante, attualmente in asfalto, è prevista pavimentata con la stessa tipologia di blocchetti rilevati sul marciapiede, per un totale di 510 mq; l’intervento prevede la rimozione della pavimentazione in asfalto con scavo fino a raggiungere il piano di posa per i masselli, fornitura e posa di pavimento in masselli autobloccanti prefabbricati in calcestruzzo vibrocompresso, dello stesso tipo, colore e posa della pavimentazione esistente su via Marconi, compresa l’assistenza muraria, la battitura, la sabbia per l’intasamento delle sconnessure.

Infine gli interventi sulle aree esterne permettono la realizzazione dell’immissione in fognatura delle reti di smaltimento dell’acqua piovana.

Infatti da rilievo effettuato sul campo non tutti i pluviali appaiono collegati alla rete fognaria notevoli problemi di carattere igienico e di smaltimento delle acque meteoriche che non essendo regolarmente canalizzate gravano sulla permeabilità dell’area.