OFFICINE GRAFICHE DEAGOSTINI: IL SINDACO SEGUE DA VICINO LA SITUAZIONE

Condividi sulla tua pagina social

Lo scorso giovedì il primo cittadino ha incontrato i vertici di DeaPrinting e della società acquirente. Questo pomeriggio colloquio telefonico con il sindacato

ANDREA BALLARE' - SINDACO DI NOVARA

ANDREA BALLARE’ – SINDACO DI NOVARA

«DeAgostini non è una azienda qualunque, ma è legata in modo inscindibile alla città. Anche per questo come amministrazione seguiamo da vicino quanto sta accadendo alle Officine Grafiche, e siamo in contatto costante con i soggetti protagonisti della vicenda».

Il sindaco di Novara commenta, dopo la diffusione da parte dei media, la notizia della cessione del pacchetto azionario di Officine Grafiche da parte della famiglia Boroli alla Mascagni Srl.

«Ho ricevuto giovedì – spiega – i vertici di DeaPrinting che sono venuti ad illustrarmi le loro decisioni insieme ai rappresentanti della nuova società che ha acquisito lo stabilimento. Ho ascoltato quanto mi è stato prospettato e, pur sottolineando il massimo rispetto dell’autonomia delle decisioni dell’azienda, ha voluto rimarcare che il gruppo DeAgostini per la nostra città non rappresenta una realtà qualunque. Il nome di Novara è stato e continua ad essere strettamente legato al nome dell’Istituto Geografico e di conseguenza a tutta la galassia societaria del gruppo. Per questo motivo la città e il suo territorio guardano sempre con attenzione a quanto accade all’interno dell’azienda. Mi è stata confermata la massima disponibilità ad un confronto più approfondito sui contenuti del piano industriale, sul quale comunque fin da ora ho avuto dall’azienda valutazioni improntate ad un cauto ottimismo».

«Proprio questo pomeriggio – conclude il sindaco – avrò un colloquio telefonico con i rappresentanti delle organizzazioni sindacali di categoria, che hanno in programma nei prossimi giorni un incontro con i nuovi vertici societari. Confermerò loro la disponibilità dell’amministrazione comunale a svolgere un ruolo positivo, sia come canale di comunicazione, sia come collettore di proposte e progetti, per fare in modo che questa nuova fase della lunga storia delle Officine Grafiche De Agostini sia un fattore positivo per il futuro della città»