onvegno “Agricoltura e Turismo tra i due Laghi” e iniziativa sollecito PAC

Condividi sulla tua pagina social

ConferenzaSi è svolta stamani presso la Sala Giunta di Palazzo Natta la conferenza stampa dell’Assessore all’Agricoltura Luca Bona, volta a presentare alcune iniziative.
Affiancato da Giancarlo Romella direttore Coldiretti, Giovanni Cardone direttore Confederazione Italiana Agricoltori e dal Dott. Antonio Pogliani, dirigente del settore agricoltura della Provincia di Novara, ha presentato il convegno organizzato dalla Provincia di Novara in collaborazione con l’Unione dei Comuni dei dell’Alto Vergante che si terrà a Nebbiuno il 27 marzo p.v..
“Agricoltura e Turismo tra i due Laghi” è il titolo dell’appuntamento che porrà l’accento sulle ricadute turistiche dell’agricoltura delle nostre terre e su come le aziende agricole stiano rinnovandosi per adeguare la produzione alle nuove richieste del mercato senza tradire tradizione ed eccellenza.

La Provincia ha poi accolto le segnalazioni delle associazioni di agricoltori, emerse nel corso dell’ultimo Tavolo Verde convocato in Provincia, attivandosi con un’azione di sensibilizzazione nei confronti della Regione Piemonte, e una di sollecito nei confronti di Arpea a causa dei pagamenti della Pac per l’anno 2013.

Essendo infatti in corso controlli sulle domande Pac 2013 le procedure di erogazione dei contributi sono di fatto bloccate fino a completa disamina delle pratiche, con le difficoltà che la mancanza dei suddetti finanziamenti comportano per le aziende.
Tenuto conto poi della difficile annata agraria 2012-2013 al fine di tutelare e agevolare gli agricoltori è stato richiesto lo sblocco dei pagamenti in attesa che i controlli vengano ultimati. Molte delle cosiddette irregolarità rilevate, sembra riguardino le affittanze agrarie e i contratti di comodato stipulati dalle imprese agricole con i proprietari, soprattutto gli affitti “verbali”, che rappresentano la maggioranza delle anomali bloccanti.
Si sottolinea inoltre che le aziende sottoposte a controllo, se non saranno sbloccate per tempo, non potranno neanche presentare richiesta per la Pac 2014 con conseguente perdita dei titoli ai fini dell’applicazione della Pac per gli anni successivi.

“Sarebbe auspicabile – è l’unanime convinzione – un intervento forte della politica Regionale per risolvere la questione: se sono stati commessi errori in fase di compilazione delle domande bisogna concedere la possibilità di eliminare le anomalie e dare ossigeno alle imprese”.

NEBBIUNO 27 MARZO 2014