Operazione città sicura: Operazione congiunta della Guardia di Finanza e della Questura di Novara

Condividi sulla tua pagina social
GUARDIA DI FINANZA

GUARDIA DI FINANZA

Nel pomeriggio del 21 marzo., alle ore 14:00 ha preso avvio il servizio straordinario di controllo del territorio relativo all’area urbana adiacente la Stazione Ferroviaria, volto al contrasto ed alla prevenzione del microspaccio di sostanze stupefacenti ed al degrado della zona.

Lo stesso ha visto la partecipazione congiunta di personale della Polizia di Stato, della Guardia di Finanza e della Polizia Municipale, per un totale di 25 uomini, tra operatori in divisa ed in borghese.

L’operazione, preceduta da un’attività informativa svolta nei giorni antecedenti con appostamenti e pedinamenti, ha visto l’intervento congiunto di pattuglie automontate ed appiedate, volto a saturare l’area compresa tra Via San Francesco D’Assisi e Viale Manzoni.

Intorno alle 15.30 la forza è stata dirottata nell’area dell’Autostazione di L.go Pastore, con la finalità di prevenzione del microspaccio di sostanze stupefacenti rivolte soprattutto ai giovani studenti.

Infine, il dispositivo è stato riportato all’interno della Stazione Ferroviaria dove, direttamente all’interno dei tunnel di collegamento tra i binari, sono stati passati al setaccio i passeggeri di diversi convogli regionali.

RISULTATI:

  1. Sequestrati grammi 3 circa di sostanza stupefacente di tipo marijuana nei confronti di un soggetto italiano (minorenne) con contestuale contestazione amministrativa in violazione all’art. 75 D.P.R. 309/90;

  1. Sequestrati grammi 1,5 circa di sostanza stupefacente di tipo hashish nei confronti di un soggetto magrebino con contestuale contestazione amministrativa in violazione all’art. 75 D.P.R. 309/90;

  1. Sequestrati grammi 1 circa di sostanza stupefacente di tipo marijuana nei confronti di un soggetto di nazionalità nigeriana con contestuale contestazione amministrativa in violazione all’art. 75 D.P.R. 309/90.

  1. 6 locali controllati;

  1. oltre 300 persone sottoposte al controllo da parte delle unità cinofile della Guardia di Finanza.

Il soggetto di cui al punto 3 che precede è stato denunciato alla locale Procura della Repubblica per le ipotesi di reato di cui all’art. 707 C.p., art. 4 Legge nr. 110/75 e art. 6 comma 3 del D.L.vo 286/98 con contestuale sequestro di oggetti atti allo scasso e all’offesa della persona (cacciavite e attrezzo multiuso).

La strategia di controllo serrato dell’area in parola, oltre che attraverso l’azione quotidiana esercitata dalla Questura di Novara, proseguirà anche secondo la formula dell’intervento coordinato sopra descritto, dove l’impegno sinergico delle diverse forze di polizia ha già prodotto tangibili risultati sotto il profilo del contrasto al degrado e alla criminalità diffusa dell’area.