Palazzo Natta Accoglie Bimbi Bielorussi

Condividi sulla tua pagina social
Bimbi a Palazzo Natta

Bimbi a Palazzo Natta

I bambini bielorussi ospiti per tutto il mese nel Novarese si sono riuniti presso la sala consiliare di Palazzo Natta. E’ stata questa l’occasione per presentare il progetto di accoglienza, promosso dall’associazione umanitaria “Noi con Loro” di Cameri con il sostegno della Provincia e del Comune di Novara e che ha l’obiettivo di offrire un periodo di allentamento dalle zone di residenza ai bimbi colpiti dal fall-out radioattivo conseguente al disastro di Chernobyl. Il presidente, Diego SOZZANI, ha dato il benvenuto ai piccoli, invitandoli a portare il saluto della Provincia di Novara e di tutti i novaresi ai loro amici e alla loro terra, “che sta lottando da decenni per tornare alla normalità dopo un fatto gravissimo che ha segnato la storia di tutta l’Europa”. Il presidente si è quindi trattenuto con i piccoli ospiti sottolineando come “lo studio e la preparazione scolastica siano fondamentali per un futuro sereno da consegnare alla vostra terra. Mi impegno – ha concluso Sozzani- a verificare personalmente il vostro percorso, scolastico e umano, prima di rincontrarvi qui il prossimo anno.” I venticinque giovani bielorussi, accolti presso il Seminario vescovile di Novara, stanno frequentando lezioni scolastiche durante la settimana e nel week end partecipano a gite e feste organizzate per loro sul nostro territorio. L’assessore provinciale con delega alle Politiche Sociali, Anna Maria Mellone, ha sottolineato come“La vivacità e la gioia di vivere che contraddistingue tutti voi ha colpito tutto il territorio. Siamo noi a dovervi ringraziare per questa vostra visita, bambini, insegnanti e operatori sociali”. “Il prossimo 20 novembre cade l’anniversario della costituzione del diritto internazionale del fanciullo. Fate sempre valere i vostri diritti – ha esortato Mellone – affinché gli adulti capiscano che ogni bambino nel mondo è come se fosse il loro”. Sicurezza sociale, salute e sostentamento devono essere garantiti a ciascun bambino, “specialmente – ha concluso Mellone – in mancanza di una famiglia tradizionale”. Anche l’assessore comunale Massimo Contaldo ha voluto rinnovare l’impegno delle istituzioni verso i piccoli amici di Brest: “ben vengano queste iniziative frutto di un’efficace collaborazione fra gli enti, mi auguro davvero che possiate ritornare sempre più numerosi”.