Piano straordinario regionale per l’occupazione

Condividi sulla tua pagina social

Il Presidente della Provincia di Novara, Diego Sozzani, esprime tutta la sua soddisfazione per l’importante misura studiata dall’Amministrazione regionale a meno di un mese dall’insediamento. Favorire l’accesso al credito e alleggerire la burocrazia sono infatti due pilastri comuni a tutte le ricette per agevolare lo sviluppo fornite oggi dagli economisti, ma i 400 milioni di euro messi sul tavolo dalla Regione rappresentano per le imprese, e quindi per i lavoratori dipendenti, un’autentica boccata d’ossigeno. , ha commentato il Presidente dopo aver incontrato Massimo Giordano, fino a poche settimane fa “vicino di casa” a Palazzo Cabrino e ora passata da Sindaco di Novara ad Assessore allo Sviluppo economico nella Giunta guidata da Roberto Cota. . Un messaggio ribadito dallo stesso Assessore provinciale alle Politiche del Lavoro, Oliviero Colombo, che ha colto l’occasione dell’incontro con Giordano e del successivo dibattito aperto al pubblico presso l’Università di Economia e Commercio di Novara, per illustrare il progetto SOS Impresa, capace di coinvolgere il tessuto sociale ed economico novarese. Università, Associazioni di Categoria, Enti locali e Sindacati hanno ribadito nell’incontro presso l’Ateneo cittadino il loro riconoscimento nel Piano-Giordano, tanto da individuare una “task force” novarese in grado di dialogare immediatamente con la Regione con una voce unica e pienamente condivisa. Si tratta della prima risposta concreta al Piano Regionale: un Ufficio a disposizione di tutte le realtà produttive e che lavori come punto di riferimento dell’imprenditore che pensasse di investire sul territorio provinciale. Non una semplice attività di rappresentanza che solitamente rimanda agli “uffici preposti”, bensì una struttura inter-indipendente il cui team sarà composto da personale altamente specializzato e qualificato, in grado di guidare l’imprenditore nelle pieghe della burocrazia, abbattendone tempi e barriere. . Un concetto ribadito dalla stessa Eliana Baici, Preside della Facoltà di Economia dell’Università del Piemonte Orientale: .