Piccoli cittadini crescono: si e’ insediato il nuovo consiglio comunale dei bambini

Condividi sulla tua pagina social

consiglio bimbi 3I lavori hanno preso il via questa mattina in Aula Consiliare a Palazzo Cabrino, protagonisti i bambini delle Quarte Elementari della città

Si è insediato questa mattina, a Palazzo Cabrino il nuovo Consiglio Comunale dei Bambini di Novara, composto da ragazzi e ragazze del quarto anno delle scuole primarie della città, che hanno iniziato oggi un ciclo di impegno biennale.

Il gruppo di bambini si è insediato senza imbarazzi e con una certa disinvoltura negli scranni che fanno da ‘scenario’ al Consiglio Comunale degli adulti.

Ad accoglierli per un benvenuto ed un primo dialogo il sindaco di Novara Andrea Ballarè con l’assessore all’istruzione Margherita Patti e una rappresentanza della giunta comunale (presenti l’assessore allo sport Giovanni Agnesina e l’assessore alla cultura Paola Turchelli).

All’incontro era presente anche il referente territoriale dell’UNICEF, Paolo Beltarre.

La referente del Consiglio, l’insegnante e coordinatrice Giuseppina Devito, ha impostato coi piccoli (e gli insegnanti che li accompagnavano) il calendario che li porterà a radunarsi sino al mese di maggio a Palazzo Cabrino, con scadenza mensile.

I prossimi consigli sono previsti infatti per il 16 gennaio 2014, 13 febbraio 2014 e 13 marzo 2014.

I piccoli protagonisti del Consiglio sono, per la primaria di Via Juvarra, Silvia Minola e Alessandro Brunacci, per la Galvani Iris Granvillano e Mattia Beppato, per la Rigutini Aissata Diarra, Giorgia Celano e Samuel Loiacono, per la Giovanni XXIII Ivan Montalberti e Chiara Airoldi, per la primaria San Vincenzo Irene Belletti e Alessandro Abbenante, per l’Istituto Maria Ausiliatrice Giovanni Burlone e Gloria Pretti, per l’Istituto Immacolata Gaia Menchini e Francesco Fregonara.

Un “facilitatore” adulto aiuterà i piccoli ad elaborare le loro proposte per migliorare la città e la propria scuola, proposte che verranno poi presentate alla Giunta Comunale. Il consiglio avrà a disposizione una piccola somma di denaro, affidatagli dal Comune.

Le basi legislative di queste iniziative di partecipazione politica allargate all’infanzia risiedono nella legge del 28 agosto 1997, n° 285.