Presenza massiccia delle Forze dell’Ordine durante la movida novarese. Due risse in pieno centro. FOTO

Condividi sulla tua pagina social

A seguito degli episodi spiacevoli dello scorso week-end (Leggi QUI), ieri, il centro storico di Novara ha riscontrato un presidio corposo di Forze dell’Ordine coordinate dal Dirigente del Reparto Volanti della Polizia di Stato e coadiuvate da Agenti provenienti dalla Questura di Torino. Massiccio dispiegamento di Carabinieri del Reparto Radiomobile, della Stazione e uomini in borghese. L’area della Posta Centrale è stata piantonata da una pattuglia della Guardia di Finanza, mentre le suddette unità hanno garantito sicurezza tra Piazza Martiri, Piazza della Repubblica ed il Parco dell’Allea. Altri equipaggi sono stati regolarmente impegnati nel pattugliamento cittadino. Il monitoraggio attento dei professionisti ha permesso che la movida si svolgesse senza particolari criticità ma non tutti sono in grado di saper trascorrere le serate insieme ai propri amici senza destabilizzare la tranquillità collettiva ed il lavoro attento delle Forze dell’Ordine. Dopo la mezzanotte l’euforia ha preso il sopravvento ed il nostro blog è stato presente sul campo a testimonianza di tale riscontro. Le prime avvisaglie sono giunte nell’area del parco cittadino, nelle adiacenze del passaggio pedonale quando, una coppia giovane litiga provocando un assembramento. Immediatamente intervengono sul campo Poliziotti e Carabinieri a calmare gli animi ma la presenza di intere comitive di altri ragazzi non facilita il lavoro dei militari impegnati. Poco dopo, in prossimità dei portici, veri e propri punti di ritrovo, sono stati segnalati tre soggetti in stato di alterazione intenti a provocare una rissa ed anche questi sono stati fermati per identificazione ed allontanati successivamente. Nel frattempo è stato necessario l’intervento di un’ambulanza del 118 per visitare la giovane coinvolta nel litigio con il ragazzo, poi condotta per controlli precauzionali al Pronto Soccorso dell’Ospedale Maggiore della Carità. Durante la serata gli Agenti hanno controllato diversi soggetti e la forte presenza di uomini in divisa ha garantito maggiore sicurezza. Non sono mancati i soliti imbecilli irrispettosi nei confronti di chi indossi l’uniforme e frasi come “stai lontano, non perchè hai la divisa ti puoi avvicinare a me”, con fare minaccioso, oppure selfie che immortalavano soggetti con lo sfondo degli Agenti impegnati nei controlli. Reali sfide nei confronti di chi lavora a garanzia della tranquillità collettiva e questo non va assolutamente bene in quanto, comportamenti simili, generano emulazione. Il reale problema si lega al consumo eccessivo di superalcolici ed è sotto gli occhi di tutti scorgere in centro intere comitive che raggiungono le aree della movida con bottiglie in mano, probabilmente acquistate in attività periferiche. Inoltre non è una novità attraversare il Parco dell’Allea e percepire il forte odore inconfondibile di cannabis e non bisogna essere medici esperti per capire che l’assunzione di liquori e farsi la cannetta generi stato di euforia ed alterazione su alcuni soggetti che poi non riescono a controllare i propri comportamenti. Segnaliamo infine gli assembramenti ormai abituali nella zona del mercato coperto e le probabili attività di spaccio all’interno del parcheggio a pagamento adiacente, zona ideale ed utilizzata da tempo ai suddetti, probabili, fini. La gratitudine del nostro blog sempre nella direzione dell’ottimo lavoro svolto dagli Agenti e Dirigenti Forze dell’Ordine, Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Locale, uomini preparatissimi e molto attenti a svolgere il proprio mestiere osservando al 100% le procedure previste e dotati di fortissimo spirito d’adattamento a situazioni che, spesso, proprio grazie al loro operato, non degenerano. 

Questo slideshow richiede JavaScript.